Ravenna, 2^ edizione del Congresso Dantesco Internazionale

(Sesto Potere)  – Ravenna – 24 maggio 2019 – Da mercoledì 29 maggio a sabato 1 giugno, presso la Biblioteca Classense / Palazzo Corradini / Sala Ragazzini, a Ravenna, si svolgerà la seconda edizione del Congresso Dantesco Internazionale ‘Alma Dante 2019’, promossa dall’Università di Bologna in collaborazione con il Comune di Ravenna e il supporto di Fondazione Flaminia, e con il patrocinio delle maggiori società scientifiche, letterarie e linguistiche interessate allo studio e alla divulgazione delle opere di Dante.

tomba di dante

Il Congresso Dantesco Internazionale, che ha cadenza biennale, rappresenta un appuntamento di grande prestigio per la città, molto atteso da tutti gli studiosi di Dante che qui hanno la possibilità di incontrarsi, presentare e discutere le proprie ricerche, venire a conoscenza delle ricerche degli altri studiosi.

Nelle giornate di lavori, Ravenna, da sempre impegnata a promuovere lo studio e la lettura di Dante, accoglierà centinaia di intellettuali, cultori e appassionati di Dante venuti appositamente dall’Italia, ma anche dall’estero: sono oltre 270 i convegnisti iscritti. Alcuni fra i luoghi ‘danteschi’ per eccellenza e più prestigiosi della città faranno da cornice alle sessioni del congresso. Le sessioni plenarie saranno ospitate dal Comune di Ravenna nella Biblioteca Classense; dal Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Bologna, sede di Ravenna a Palazzo Corradini; dal Centro Dantesco dei Frati Minori Conventuali.

Il Congresso è la prima iniziativa a fregiarsi del logo individuato per rappresentare il settimo centenario della morte di Dante Alighieri a Ravenna.

Ogni giorno sono previste tavole rotonde con la presenza dei maggiori esperti italiani e stranieri: il 29 maggio si parlerà di un tema oggi dibattuto, ossia Leggere e studiare Dante oggi in Italia e nel mondo. Venerdì 31 maggio con l’appuntamento Dante verso il centenario: i progetti, le società, i centri di ricerca si cercherà di fare il punto in attesa del 2021, con particolare attenzione alla situazione italiana. Infine, sabato 1 giugno sarà la volta degli Studi danteschi nel mondo: centri di ricerca, progetti, tendenze con riferimento ai progetti che in tutto il mondo si stanno

dante

dispiegando in preparazione del centenario.

Alle tavole rotonde e ai panel si affiancheranno le lezioni magistrali di tre fra i più importanti dantisti del mondo, che faranno sentire a Ravenna la loro autorevole voce: nella giornata di apertura parleranno Zygmunt G. Barański, docente a Notre Dame (USA) e professore emerito a Cambridge (UK), che intratterrà il pubblico sulla Vita nova, ed Olga Sedakova, poetessa di Mosca impegnata nella traduzione delle tre cantiche dantesche nella lingua russa, che terrà una conferenza sul tema del mare e la teodia di Dante nel Paradiso; mentre in chiusura Lino Pertile, docente a Harvard (USA), introdotto da Emilio Pasquini, affronterà un tema molto attuale, ossia Dante ‘popolare’.

Le sessioni plenarie saranno affiancate da oltre cinquanta sessioni parallele, ognuna composta da 3/4 relatori, che presenteranno ricerche originali e aggiornate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *