(Sesto Potere) – Ravenna – 21 dicembre 2021 – Regali esauriti per la prima edizione di “Illuminiamo il Natale di regali”, il progetto lanciato da Spasso in Ravenna in occasione delle festività natalizie 2021 per coinvolgere gli aderenti al comitato in una nuova operazione a premi, una sorta di start up mai provata prima in città, per contribuire alla promozione commerciale del centro in un periodo così importante e, allo stesso tempo, così delicato.

I numeri hanno dato ragione agli ideatori dell’iniziativa, che pur dovrà essere rivista e corretta in futuro. Il tutto tenendo conto della grande risposta della cittadinanza che ha portato a ben due riassortimenti dei regali previsti, con inevitabili allungamenti nei tempi di approvvigionamento e distribuzione, ma anche con un sensibile incremento di doni distribuiti gratuitamente a fronte di una spesa di almeno 40,00 Euro in uno dei negozi aderenti.

L’iniziativa avrebbe potuto proseguire fino a dopo Capodanno, salvo, come indicato nel regolamento, esaurimento delle scorte. Un esaurimento che è avvenuto in tempi rapidissimi e che dunque conferma al bontà dell’idea. L’esperienza 2021 servirà dunque per tarare in maniera diversa la proposta, nella consapevolezza del gradimento da parte dei clienti dei negozi del centro.

Un numero su tutti rende in maniera adeguata il successo dell’iniziativa: poco meno di 1.500 prodotti regalati, tra bottiglie di spumante, salami, cotechini e liquori, nel giro di poco più di una settimana all’hub allestito al Mercato Coperto, in un’area di intersezione e di facile raggiungimento per tutti i clienti dei negozi del centro di Ravenna. Una media di 120 persone che si sono accodate ogni giorno di apertura del punto di distribuzione per ritirare il loro regalo.

“Il successo dell’iniziativa è indubbio – spiegano i referenti del Comitato Spasso in Ravenna – così come è indubbio che per il futuro dovremo fare tesoro di tutte le indicazioni giunte in occasione di questa prima esperienza. I progetti sulla carta sono sempre differenti rispetto allo loro concretizzazione e, consapevoli delle problematiche e degli aspetti da migliorare, lavoreremo tenendone conto per il futuro. Oggi i dati ci dicono che, al netto dei disagi dovuti anche al fatto che non si era mai provato nulla di simile nel centro di Ravenna, l’iniziativa ha colto nel segno e si dovrà valutare come ampliarla e migliorarla. Nel frattempo continueremo a pensare ad iniziative per promuovere la città, portare gente in centro e clienti alle attività. È la nostra sfida anche per il 2022”.