Provincia di Forlì-Cesena: una panchina rossa contro la violenza di genere

0
381

(Sesto Potere) – Forlì – 24 dicembre 2020 – Ieri pomeriggio, alla presenza del Presidente della Provincia di Forlì-Cesena Gabriele Antonio Fratto e del Segretario generale Ennio Guida, sono stati consegnati gli attestati di merito ai partecipanti al concorso di idee rivolto ai dipendenti provinciali per l’allestimento della panchina rossa, a dimostrazione della partecipazione e dell’impegno della Provincia contro le discriminazioni e la violenza di genere.

“Quest’anno, nell’ambito delle celebrazioni dedicate alla Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, ho voluto bandire un concorso di idee rivolto ai dipendenti provinciali per l’allestimento della panchina rossa. Sono arrivati 9 progetti presentati da dipendenti in forma individuale o in gruppo. 20 dipendenti complessivamente si sono resi disponibili a realizzare l’allestimento, dando  dimostrazione di una profonda sensibilità sul tema e di partecipazione. Fra le proposte, tutte belle e significative, è stato scelto il progetto di Luca Danesin: accanto allo slogan posto sulla panchina  “Toccaci colo con un…”  è stato collocato un fiore all’interno del quale sono state inserite le foto di alcune sorridenti colleghe con una rosa in mano”: ha dichiarato il Presidente della Provincia Gabriele Antonio Fratto.

“Con questa iniziativa, in epoca di pandemia, ho voluto promuovere un’attività di sensibilizzazione non consueta e rivolgere l’attenzione all’interno dell’organizzazione provinciale avvicinando il più ampio numero di collaboratori provinciali e proponendo un’attività che ci accomuni nel contrasto alla violenza di genere e alla discriminazione in generale. In quest’ultimo ambito rientra la cura di una vera cultura della parità, la lotta a tutte le disuguaglianze in ogni ambito della vita quotidiana, compreso il contesto lavorativo. Le istituzioni pubbliche e le scuole possono fare molto su questi temi, essendo luoghi fondamentali per accrescere la consapevolezza dei diritti sociali, sempre più appannati, di chi è più vulnerabile per genere, orientamento sessuale, stato sociale o per colore della pelle. La panchina rossa, così allestita, è collocata nell’androne della Provincia, ben visibile al pubblico che entra nella nostra sede.”: ha concluso Gabriele Fratto.