Protesta dell’Emilia-Romagna: “No ai tagli del Governo alle risorse per le fusioni di Comuni”

(Sesto Potere) – Bologna, 12 luglio 2019 – “I contributi statali 2019 che sostengono i processi di fusione dei Comuni risultano a oggi insufficienti rispetto al fabbisogno nazionale complessivo. Abbiamo già richiesto la piena copertura dell’obiettivo fissato dalla normativa di riferimento e la necessità di realizzare l’integrazione attingendo da risorse esterne al Fondo di solidarietà comunale”.

tagli statali alle fusioni protesta

L’assessora regionale al Riordino istituzionale Emma Petitti e il presidente di Anci Emilia-Romagna Michele De Pascal e, sindaco di Ravenna, hanno espresso preoccupazione per l’indisponibilità, dichiarata fin qui dal Governo, a reperire le risorse necessarie su cui i Comuni hanno fatto affidamento in fase di redazione dei bilanci previsionali. La riduzione dei contributi, pari ad oltre 5 milioni di euro per l’Emilia-Romagna, determinerebbe grandi difficoltà per i Comuni medio-piccoli che già vivono condizioni di particolare disagio territoriale, economico e demografico, oltre a rappresentare un disincentivo a nuove fusioni.

Il commento

“In questo territorio – spiegano Petitti e De Pascale – grazie alle politiche concertate fra la Regione e i Comuni, i processi di associazionismo coinvolgono una gran parte dei Comuni dell’Emilia-Romagna nell’esperienza delle 43 Unioni, mettendo in atto economie di scala, efficienza nella spesa, qualità dei servizi per i cittadini”.
“Esprimiamo quindi con forza la necessità di prevedere l’adeguamento del fondo nazionale per le fusioni – concludono l’assessora Petitti e il sindaco De Pascale – rispettando così il patto con le comunità locali che hanno compiuto questa scelta, evitando che si disincentivino i processi di fusione progettati”.

I numeri


Sono 280 i Comuni interessati dalle Unioni su un totale di 328. Ci sono, inoltre, 13 Comuni nati da fusione dove i cittadini hanno scelto, con il referendum consultivo previsto dalla Costituzione, di modificare i confini amministrativi per dare vita a un ente unico.
I vantaggi della fusione sono molteplici: dall’ottimizzazione del budget per il funzionamento della macchina amministrativa, alla maggiore capacità di affrontare politiche articolate e di far ripartire gli investimenti sul territorio. Negli ultimi anni, le leggi di bilancio hanno aumentato l’ammontare delle risorse stanziate, coerentemente con il passaggio normativo dal 20% dei trasferimenti erariali erogati nel 2010, al 60% a partire dal 2018.

La protesta

Contro i tagli alle fusioni, il Sindaco di Montescudo-Monte Colombo (in provincia di Rimini) Elena Castellari insieme a tanti colleghi italiani e all’Assessore Regionale Emma Petitti, hanno manifestato mercoledì 10 luglio a Roma con un  sit-in organizzato dai deputati del PD (vedi foto).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *