Progetto UniBo e Gruppo Caviro Faenza: plastica bio da fanghi di depurazione

(Sesto Potere) – Bologna/Faenza – 16 agosto 2019 –  Si chiama B-PLAS Demo ed è il primo impianto sperimentale per la produzione di plastica biologica e biodegradabile da fanghi di depurazione. A realizzarlo sarà l’Università di Bologna in collaborazione con il gruppo Caviro Extra (del gruppo Cavirio, cooperativa agricola leader in Italia nel settore vitivinicolo con sede a Faenza) e altri partner come l’istituto tecnologico spagnolo AIJU e l’ungherese Pannon Pro Innovation, studio di consulenza e innovazione sui temi del cambiamento climatico e ambientale.

progetto  B-PLAS Demo

Il progetto è orientato alla produzione di un tipo particolare di poliesteri: plastiche a base biologica note come PHA (poliidrossialcanoati). Questi poliesteri in natura sono prodotti dai batteri attraverso la fermentazione aerobica di fonti di carbonio: sono completamente biodegradabili, ma costosi da fabbricare industrialmente, se comparati alle plastiche tradizionali. L’idea alla base del progetto B-PLAS è allora sfruttare il carbonio residuo contenuto nei fanghi provenienti da impianti di trattamento pubblici e privati come materia prima per produrre i PHA.

Fino ad oggi, infatti, questi fanghi, prodotti negli impianti a biogas e in quelli di fermentazione come sottoprodotto nei trattamenti tradizionali delle acque reflue, dovevano essere smaltiti dalle aziende con costi molto alti. Con B-PLAS si realizza così un duplice risultato: incrementare ulteriormente la diffusione delle bioplastiche e valorizzare un rifiuto facendolo diventare materia prima. L’utilizzo di questi fanghi consente di chiudere completamente il ciclo produttivo in un’ottica di economia circolare.

I PHA così realizzati , con un  costo di produzione ridotto, possono essere utilizzati per produrre imballaggi, articoli monouso, oggetti stampati in 3D e molto altro.

Questa nuova tecnologia consente di ottenere PHA a prezzi estremamente competitivi, generando dunque un prodotto di alta qualità a partire da scarti di lavorazione. Inoltre la bioplasticabiobased ottenuta sarà compostabile e questo permetterà di reintrodurla all’interno del ciclo produttivo.

L’impianto B-PLAS Demo è finanziato dalla EIT Climate-KIC, l’organizzazione che rappresenta 400 partner pubblici e privati di 25 nazioni, tra cui l’Università di Bologna, e che nasce per dare impulso a un’innovazione in grado di ridurre le emissioni di anidride carbonica, accelerando i processi di decarbonizzazione. Nato nel 2010, EIT Climate-KIC in questi anni ha contribuito al finanziamento di oltre 3,4 miliardi di euro di progetti di innovazione tecnologica volti alla riduzione delle emissioni inquinanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *