(Sesto Potere) – Bologna – 28 gennaio 2022 – Federazione Moda Italia Emilia-Romagna in collaborazione con Confcommercio Emilia-Romagna ed Iscom Group ha monitorato, attraverso la somministrazione ad un panel di 60 commercianti del settore moda di un apposito e mirato questionario, l’andamento dei primi venti giorni dei saldi invernali 2022, confrontando i dati con lo stesso periodo dell’anno precedente.

Il risultato è sconfortante: la pandemia ed il rialzo delle materie prime bloccano gli acquisti, si registra un diffuso sentiment negativo fra i commercianti, e si assiste ad un’estrema prudenza fra i consumatori negli acquisti.

Estremamente negativi i risultati.

Il 64% degli intervistati dichiara un sensibile calo degli incassi: il 20% addirittura registra un calo di oltre il 40% rispetto allo stesso periodo del pur non brillante 2021. Scarso il flusso della clientela, che ha comprato solo lo stretto necessario (dato confermato dal 60% dei partecipanti al questionario), manifestando particolare attenzione al prezzo ma anche al rispetto delle norme di sicurezza sanitaria.

Basso l’importo dello scontrino medio: per il 40% degli intervistati fra 50 e 100 euro mentre per il 25% risulta essere sotto i 50 euro. Maglieria, capispalla e pantaloni i prodotti più acquistati. Pessimo il sentiment fra i commercianti: il 68% prevede nelle prossime settimane di saldi vendite in ulteriore diminuzione. Il 77% degli intervistati ritiene che l’introduzione dell’obbligo del Green Pass Base per accedere ai negozi dal prossimo 1° febbraio causerà un calo delle vendite.

I commenti

“In queste settimane sta prendendo forma la tempesta perfetta, dove agli effetti della pandemia, che nei fatti si concretizzano in un latente lockdown, si sommano le pesanti ripercussioni di una violenta inflazione, con un insostenibile aumento delle materie prime, delle bollette e con una semi-paralisi del sistema di approvvigionamento merce”: commenta Enrico Postacchini, Presidente Confcommercio ER.

“Stiamo registrando ulteriori preoccupanti segnali di contrazione delle vendite a seguito dell’elevata diminuzione dei movimenti delle persone e del diffusissimo sentiment negativo che rallenta ed in alcuni casi inibisce i consumi interni, soprattutto gli acquisti di prodotti di moda, seppur in questo periodo di sconti”: dichiara Marco Cremonini, presidente di Federazione Moda Italia dell’Emilia-Romagna.

“Apprezziamo i segnali di sostegno al settore moda che stanno arrivando dal Governo e dalla Regione, non tanto per la consistenza degli aiuti, sicuramente insufficiente, ma per aver riposto finalmente attenzione alla crisi che sta attanagliando i negozi al dettaglio e che avrà bisogno di interventi strutturali e non episodici”; conclude Postacchini.