Presidio ambientalista contro la riapertura dell’aeroporto di Forlì

0
185
Foto: Fabio Blaco

(Sesto Potere) – Forlì – 26 maggio 2021 – Venerdì 28 maggio riprendono il via i voli dall’aeroporto di Forlì e per l’occasione un cartello di associazioni ambientaliste promuoverà un presidio contro le emissioni. Hanno promosso l’iniziativa: Fiab Forlì, Legambiente Forli Cesena, WWF Forlì Cesena, Isde Forlì, Parents For Future Forlì, Fridays For Future Forlì e Bikequality e i gruppi locali XR – Extinction Rebellion di Faenza e Forlì che firmano l’annuncio.

Cosa accadrà? Gli attivisti delle associazioni aderenti al presidio saranno “disponibili verso la cittadinanza a fornire spiegazioni sull’impatto ambientale del traffico aereo” e verrà annunciata in conferenza stampa la richiesta al Comune “di attivare un sistema di monitoraggio adeguato delle emissioni atmosferiche causate dal trasporto aereo e la loro compensazione”.

“Saremo lì per dire la verità! La qualità dell’aria a Forlì non è gran che… da quest’anno rientriamo nella classifica europea delle 100 città a maggior tasso di mortalità da polveri sottili. La Pianura Padana è da sempre nota per avere una delle arie peggiori di Europa a causa della sua conformazione geografica e dell’alta industrializzazione. Gli aerei sono il mezzo di trasporto più inquinante e inaugurare un altro aeroporto in un contesto già così delicato, contando che ce ne sono già due in zona, va spiegato a chi si ammala di tumore ai polmoni e a chi già oggi è colpito dagli effetti della crisi climatica in corso!”: si legge nella pagina Facebook che è stata creata appositamente dagli organizzatori per l’appuntamento di venerdì dalle ore 17 alle  18.30 davanti all’aeroporto Ridolfi di Forlì.

Un’iniziativa che ha innescato già le prime repliche politiche, per voce del vicecoordinatore provinciale di Fratelli d’Italia di Forlì-Cesena, Fabrizio Ragni.