Prescrizione, per Morrone (Lega) “è un compromesso al ribasso”

0
78

(Sesto Potere) – Forlì – 7 febbraio 2020 –  “Una mediazione al ribasso, abborracciata, che non accontenta nessuno proprio perché frutto di un compromesso che punta esclusivamente a tenere in piedi un governo ormai scaduto”: il deputato forlivese della Lega Jacopo Morrone non ha dubbi e boccia senza appello il cosiddetto ‘lodo Conte-bis’ sulla prescrizione approvato in parlamento dalla maggioranza di governo del centrosinistra tranne Italia Viva.

Nel dettaglio, il ‘lodo Conte-bis’ prevede per gli assolti in 1° grado la continuazione della prescrizione , il blocco scatterebbe, in via definitiva, solo per la doppia condanna, in primo e in secondo grado di giudizio.

“C’è in atto un braccio di ferro tra il M5s e il guardasigilli Alfonso Bonafede, che non hanno voluto indietreggiare di un passo rispetto alla prescrizione perché è a rischio la loro scomparsa dalla scena politica, e il Pd che ha di fatto tradito la propria posizione sulla prescrizione per allontanare la caduta del governo. Di qui l’espediente contorto su cui hanno stretto un patto di sangue che non accontenta nessuno. Vedremo cosa accadrà in Parlamento, ma è sempre più evidente che, con i problemi in cui si sta dibattendo il Paese, l’estrema debolezza dell’esecutivo è esiziale”: conclude Jacopo Morrone .

Da parte sua il leader di Italia Viva Matteo Renzi ha scritto su Twitter  che “L’accordo Pd-5s produce danni devastanti per gli avvocati. Non capisco perchè insistano a dire no al lodo Annibali”.
Mentre il   premier Conte annuncia che lunedì si terrà un consiglio dei ministri straordinario per approvare la riforma del processo penale “per abbreviare i tempi dei processi”. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here