Portolani, ArticoloUno Forlì chiede “profilo più adeguato alla presidenza”

0
234

(Sesto Potere) – Forlì – 15 giugno 2021 – Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa inviato oggi ai mass media da ArticoloUno Forlì:

Si coglie un certo imbarazzo nella recente nota stampa del Sindaco Zattini, derivante dalla necessità politica di solidarizzare con la Presidente della Commissione Pari Opportunità Portolani che, durante l’ultima seduta, ha deciso di leggere il comunicato di un movimento politico senza riuscire ad evitare un “approccio religioso”, come invece il Sindaco auspica nella propria nota. Siamo lieti che almeno in questo egli implicitamente condivida le sollecitazioni pervenute negli ultimi giorni da varie forze politiche e da numerose associazioni del territorio.

marinella portolani

Dobbiamo segnalare però che spostare l’attenzione su altre forze politiche per deviarla dalle parole di una esponente della maggioranza non è una strategia efficace; sarebbe stato opportuno e doveroso celebrare la vita spezzata di Saman, il dolore dell’ennesimo femminicidio e la tristezza che questi episodi lasciano in ognuno di noi. Purtroppo la destra locale ha invece scelto di strumentalizzarlo, prima per attaccare una religione ed ora anche per rispondere allo sdegno che ne è derivato.

Il Sindaco dovrebbe ricordare che il percorso di emancipazione della donna è ancora lungo e complesso ovunque, ad ogni latitudine ed in ogni categoria sociale, altrimenti la Commissione a cui si riferisce non avrebbe ragione di occuparsene.  Ci auguriamo quindi che egli intenda contribuire alla costruzione di uno spazio efficace per farlo, che non sia ostacolato dalle continue sterili provocazioni e dalla gestione autocratica della Presidente, segnalate ad ogni seduta da vari membri della commissione.

Al contrario di quanto il Sindaco afferma nella sua nota, sosteniamo che il tema della violenza contro le donne sia patrimonio di tutti e non abbia colore politico, confidiamo di conseguenza che non vi siano difficoltà ad individuare all’ interno della maggioranza un profilo più adeguato all’incarico.

A margine di questo auspicio vogliamo rilevare che avremmo ricevuto maggiori rassicurazioni sull’attenzione della Giunta locale alla lotta contro la violenza di genere se non avesse ritirato il proprio finanziamento al progetto di formazione contro la violenza di genere e le discriminazioni per orientamento sessuale sostenuto dalla regione.