Polstrada a Rocca S.Casciano. Comitato Civico SS67: “La partita è ancora aperta

0
236

(Sesto Potere) – Rocca San Casciano – 22 agosto 2020 – Sei mesi fa, sabato 22 febbraio, oltre trecento persone sono scese in piazza a Rocca San Casciano nella pacifica manifestazione promossa dal Comitato Civico Ss67, per chiedere che non venga chiuso il locale distaccamento della Polizia Stradale (vedi foto).

“Allora – ricordano i coordinatori del Comitato, Vincenzo Bongiorno, Alessandro Ferrini e Riccardo Ragazzini – in tanti già si erano rassegnati alla decisione calata dall’alto. I fattori di cui più siamo contenti come Comitato Civico, è l’aver tenuto alto il morale anche promuovendo una petizione, aver messo in campo chiaramente tutte le ragioni di buon senso a favore del distaccamento e in forza di queste aver cercato l’esplicito sostegno trasversale di tutti i livelli amministrativi e istituzionali, delle forze politiche. E’ un lavoro portato avanti assieme alle principali rappresentanze sindacali della Polizia, Siulp e Sap, e a varie associazioni, tra cui molto importante per la competenza messa in campo è l’ASAPS, Associazione Sostenitori ed Amici della Polizia Stradale”.

I tre coordinatori inoltre ricordano “il paziente lavoro svolto in questi mesi, fatto anche di contatti, incontri e dialoghi con numerosi amministratori locali, per approfondire tutte le buone ragioni per non chiudere la Polstrada di Rocca a favore della sicurezza stradale di tutti su un’importante arteria viaria quale la Ss67 e sulle altre strade del territorio collinare. Un lavoro di relazioni che ha contribuito all’approvazione in tanti Consigli di un Ordine del Giorno per chiedere al Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, il mantenimento del distaccamento rocchigiano della Polstrada”.

Ferrini, Marco Mussolini (il comandante del Distaccamento della Polstrada di Rocca) , Ragazzini e Bongiorno

I Consigli Comunali che si sono espressi all’unanimità sono: Rocca San Casciano, Forlì, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Dovadola, Portico e San Benedetto, Meldola, Galeata, Civitella di Romagna, Predappio, Premilcuore, Bertinoro, Sarsina, Santa Sofia, Modigliana, Tredozio. Assemblee elettive rappresentative di oltre 175.000 abitanti. Con voto unanime si sono poi manifestati anche il Consiglio Provinciale di Forlì-Cesena e quello dall’Unione dei Comuni della Romagna forlivese.

“Nel segno della trasversalità – ricordano Bongiorno, Ferrini e Ragazzini – è poi importante che sia stata presentata in Regione il 12 agosto la risoluzione a firma dei consiglieri Massimo Bulbi (Pd) e Massimiliano Pompignoli (Lega), due esponenti politici da cui abbiamo ricevuto sostegno sin dall’inizio, così come dai quattro parlamentari forlivesi: Marco Di Maio (Italia Viva), Jacopo Morrone (Lega), Carlo Ugo De Girolamo (Movimento 5 Stelle), Simona Vietina (Forza Italia)”.

I tre coordinatori, infine, concludono: “La partita è ancora aperta e come Comitato Civico Ss67 continueremo con impegno e determinazione la mobilitazione, finché sarà necessario”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here