(Sesto Potere) – Forlì – 23 novembre 2021 – Continua l’attività di prevenzione e contrasto contro il degrado urbano della Polizia Locale soprattutto in centro storico di Forlì. Sabato pomeriggio una pattuglia in servizio antidegrado ha identificato un 50enne, residente a Forlì, sorpreso mentre urinava in corso Garibaldi vicino a un cassonetto dell’immondizia.

Andrea Gualtieri

L’uomo, in evidente stato di alterazione, è stato anche denunciato per ubriachezza molesta.

“Sul degrado non abbiamo abbassato la guardia – spiega il Vicecomandante della Polizia Locale dell’Unione di Comuni della Romagna Forlivese Andrea Gualtieri – e anzi c’è stato un potenziamento dei controlli con presidi continuativi e interventi mirati in particolar modo nei weekend. I nostri agenti nelle ultime settimane hanno sanzionato 14 persone che consumavano bevande alcoliche in bottiglia, o lattina, in area pubblica all’interno del Centro Storico violando il regolamento di Polizia Urbana e di Civile Convivenza”. 

Sempre sabato pomeriggio nel parcheggio di Piazza Guido da Montefeltro due agenti hanno identificato un 20enne trovato in possesso di una modica quantità di sostanze stupefacenti e segnalato alle autorità competenti per i provvedimenti amministrativi.

Il giovane è stato anche multato per effetto del Regolamento di polizia urbana per aver bevuto una sostanza alcolica contenuta in una lattina.

Le ultime violazioni contestate sono emerse a seguito di controlli di prevenzione anche con pattuglie in borghese nei punti sensibili della “movida” forlivese come il Chiostro di San Mercuriale, corso Garibaldi, parcheggio Montefeltro, piazza Montegrappa e zona I Portici. 

Nei pressi della Stazione Ferroviaria sono stati rimossi una ventina di velocipedi agganciati in pali della segnaletica o a manufatti prospicenti gli immobili di rilevante valore architettonico.

I velocipedi-rottami non reclamati dai proprietari saranno destinati alle finalità sociali previste dal recente accordo tra l’Amministrazione comunale e un gruppo di associazioni cittadine tramite il progetto denominato “Maglia Rosa” che prevede la rigenerazione e il riuso delle biciclette.