(Sesto Potere) – Cesena- 6 gennaio 2022 – “E’ necessario che quanto prima la Provincia affronti l’esigenza rappresentataci da diversi Sindaci sulla effettiva possibilità di partecipazione ai bandi PNRR da parte dei Comuni di dimensioni più ridotte che rischiano di rimanere esclusi da importanti bandi come quelli in scadenza a inizio febbraio sull’edilizia scolastica, ciò per il semplice fatto che i loro uffici tecnici non sono in grado di affrontare iter molto complessi”, commenta Alice Buonguerrieri, coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia. 


“Per partecipare a questi bandi sono infatti necessarie risorse tecniche di cui spesso le già esigue risorse dei Comuni sono sprovviste, col risultato che questi non potranno ottenere alcun fondo. Ad oggi non ci risulta che la Provincia abbia attivato risorse concretamente utile per i Comuni, né affiancando i tecnici comunali nella redazione delle schede, né supportandoli nella predisposizione dei progetti. L’attivazione di imprecisate cabine di regia è del tutto insufficiente e priva di concretezza”, precisa Buonguerrieri.


Per questo Fratelli d’Italia ha proposto che la Regione Emilia Romagna e la Provincia attivino immediatamente una sinergia istituzionale affinché supportino anche nella redazione tecnica dei progetti i Comuni, avvalendosi di strutture tecniche come quelle presenti in Regione. Un organismo da costruire d’intesa tra Regione e Provincia per aiutare i piccoli e medi Comuni a non perdere l’occasione dei fondi nazionali del PNRR. 

“Confidiamo che il Presidente Lattuca superi i suoi sterili pregiudizi ideologici e supporti e percorra la strada indicata da FdI. E’ giunto il momento che la Provincia svolga quel ruolo di coordinamento attivo e di supporto ai Comuni, altrimenti il rischio è che questa fase accresca le differenze, creando territori a due velocità”, conclude Alice Buonguerrieri.