(Sesto Potere) – Bologna – 10 gennaio 2023 – La giunta comunale di Bologna informa che il 2023 sarà anche l’anno di avvio dei cantieri dei nuovi progetti finanziati nell’ambito del PNRR che porteranno ad un significativo aumento dell’offerta pubblica di servizi educativi 06 –  i servizi educativi per l’infanzia  dalla nascita ai sei anni, gestiti dagli Enti locali, direttamente o attraverso la stipula di convenzioni, da altri enti – e all’accoglimento di tutte le domande per il nido d’infanzia, con l’obiettivo di lista d’attesa zero anche per questo importante servizio.

Uno dei progetti finanziati dal PNRR è il Polo per l’infanzia di via Monterumici 1 (Polo Marzabotto) che prevede tre nuove sezioni di scuola dell’infanzia e quattro nuove sezioni di nido. Per consentire i lavori di realizzazione di questo nuovo Polo, la cui ubicazione è prevista nelle immediate adiacenze del complesso che ospita le scuole dell’infanzia Dall’olio e Dozza e i nidi Bruco Rosa e Cavina, è stato necessario rimodulare l’offerta di scuola dell’infanzia del bacino territoriale di riferimento.

lavoro

Per l’anno scolastico 2023/24 non saranno quindi attivate la sezione 3 anni della scuola Dall’Olio e la sezione della scuola dell’infanzia Marameo, prevedendo per quest’ultima il ripristino della capienza originaria del nido Marameo.

Le modifiche – spiega il Comune di Bologna – sono state necessarie per permettere, nei prossimi mesi, di rivedere l’organizzazione degli spazi del plesso Dall’Olio-Dozza-Bruco Rosa in vista dell’avvio del cantiere.

Le riduzioni operate – aggiunge ancora l’amministrazione comunale – non incidono sulla capacità dell’offerta complessiva della Città di far fronte alla domanda potenziale.

E verrà comunque attivato un attento monitoraggio dell’andamento della domanda effettiva nell’ambito del territorio di riferimento – bacino Saffi- che tuttavia presenta un’offerta del sistema integrato adeguata alla domanda potenziale, anche tenuto conto dei margini di disponibilità di posti esistenti nell’intero Quartiere e in quelli limitrofi.

L’Amministrazione comunale, infine, rassicura che garantirà ogni necessaria azione per una equilibrata distribuzione della domanda.