(Sesto Potere) – Napoli, 23 febbraio 2023 – Ripartirà a marzo la quarta edizione del PizzaVillage@Home. L’evento, realizzato per la prima volta in periodo pandemico, e che ha riscontrato il crescente gradimento del pubblico, quest’anno toccherà cinque regioni italiane partendo dalla Sicilia e terminando in Piemonte. Matrice del concept, ideato e prodotto da Oramata Grandi Eventi e AADV Entertainment, resta la modalità delivery, ma alcune novità animeranno gli appuntamenti dei Maestri Pizzaioli nelle città di Palermo, Padova, Bologna, Bari e Torino.

La manifestazione prenderà il via nel capoluogo siciliano con la tappa in programma dal 2 al 5 marzo prossimo per poi spostarsi in Veneto (30/03 – 02/04) e quindi in Emilia-Romagna (11-14/05 a Bologna). E in autunno il tour giungerà poi a Bari ed a Torino.

Confermata la formula vincente, che ha una sua unicità nella possibilità di poter apprezzare, contemporaneamente sulla propria tavola, diverse pizze realizzate dai maestri pizzaioli che, negli hub di produzione temporanei allestiti nel cuore delle città ospitanti, presenteranno i grandi classici e proposte inedite e ricercate.

Le Gift Bag, con i prodotti omaggiati dei partner dell’evento, accompagneranno le pizze consegnate a casa effettuate dai corrieri di Glovo, delivery partner dell’iniziativa.

Le novità dell’edizione 2023: le masterclass, per imparare i segreti della pizza napoletana da fare in casa, e l’inserimento di prodotti tipici dei singoli territori regionali. Dal 24 febbraio i fans della pizza potranno partecipare ad un’iniziativa sui canali social della kermesse, attraverso la quale potranno invitare amici, partner o parenti ad ordinare specialità e lasciare messaggi. Saranno individuati i 10 commenti più originali e seducenti per ciascuna tappa del tour, ispirati al dialetto napoletano, ed i fortunati prescelti potranno mettere le mani in pasta e diventare così protagonisti delle lezioni di pizza tenute dai top player maestri pizzaioli.

Prodotti tipici dei singoli territori, selezionati anche da rinomati chef delle cinque regioni, saranno associati agli ingredienti base delle pizze allo scopo di esaltare le identità gastronomiche regionali. Un’iniziativa che intende valorizzare i singoli territori toccati dal tour e al contempo promuovere il piatto nazionale più famoso al mondo senza intaccare le radici partenopee.

Protagonisti indiscussi dell’evento, dunque, alcuni tra i più celebri maestri pizzaioli partenopei: Vincenzo Capuano, Pino Celio, Fabio Cristiano, Antonio Falco, Errico Porzio, Gino e Toto Sorbillo, Angioletto Tramontano.

E l’evento prosegue anche quest’anno con la sua mission solidale. Fondazione Banco Alimentare Onlus, charity partner dell’iniziativa, opererà al fianco degli organizzatori per raggiungere l’obiettivo dello “spreco zero” e sostenere i meno fortunati. In ciascuna delle cinque città del tour, a Banco Alimentare saranno consegnate le materie prime non utilizzate e saranno donate anche 1.000 pizze, per aiutare chi si trova in difficoltà.