Pineta di Cervia, conclusa fase uno della rinascita

0
249
pineta di cervia

(Sesto Potere) – Cervia – 5 maggio 2020 – Dopo quasi dieci mesi da quel terribile 10 luglio 2019 che sconvolse la località di Milano Marittima, si è conclusa la fase uno della rinascita della Pineta di Cervia. Ieri, con la riapertura delle aree verdi, è tornato fruibile anche il nostro vasto bosco cittadino, dopo un intenso lavoro di rimozione degli alberi caduti che si è concluso con la sistemazione dei sentieri, degli arredi e delle attrezzature ginniche, ancora non fruibili fino al 17 maggio.

Ora quindi in pineta si può andare a camminare, correre, passeggiare con il cane o in bicicletta, sempre seguendo le modalità comportamentali indicate nella cartellonistica che è stata posizionata alle varie entrate.

Anche all’interno del Parco Naturale, che era stato profondamente colpito dagli effetti della tromba d’aria e che sarà ancora chiuso almeno fino al 17 maggio, si sta ritornando alla normalità.

Oltre 1200 tra alberi (pini domestici e latifoglie) e arbusti tipici della flora autoctona hanno infatti già ripopolato gli oltre 3 ettari di pineta distrutta, grazie al contributo della Società AzzeroCO2 s.r.l., per conto di Coop. Alleanza 3.0.

Il progetto, di cui Cervia è stata beneficiaria, fa parte dell’iniziativa MOSAICO VERDE, che dà la possibilità ai comuni italiani di ricevere un intervento gratuito di riqualificazione urbana, attraverso la messa a dimora di specie arboree autoctone in aree degradate.

pineta di cervia

L’attività di esbosco in pineta è consistita nell’abbattimento della quasi totalità degli alberi a terra o stroncati, nell’estrazione delle ceppaie e nella cippatura finale del materiale.

Il lavoro, che è durato oltre due mesi, è proseguito in sicurezza quasi ininterrottamente anche nel periodo dell’emergenza Coronavirus.

Il materiale cippato ricavato, valutato in 4.000 tonnellate, servirà nei prossimi mesi ad alimentare la centrale a biomasse di Russi.

Per seguire le operazioni è stato messo a punto un Piano di comunicazione, con cartelli illustrativi, informazioni su social sempre aggiornate sull’andamento dei lavori e iniziative pubbliche che hanno riscosso un notevole successo.

La ferita è evidente, le zone danneggiate hanno lasciato un vuoto vegetazionale consistente, anche se bisogna ricordare che le attività del cantiere forestale sono state di tipo estremamente conservativo, in molte zone di difficile accesso, depresse o ricche di sottobosco arbustivo non si è intervenuti, lasciando le aree alla loro evoluzione naturale.

Lungo il percorso sono stati lasciati pezzi di piante e ceppaie, a ricordo dell’evento, in attesa di celebrare i lavori con una mostra fotografica open-air.

La dichiarazione dell’Assessore ai lavori pubblici Enrico Mazzolani e della Delegata al verde Patrizia Petrucci: “Oggi che abbiamo la necessità di spazi dove poter passeggiare in sicurezza, la pineta di Milano Marittima è più che mai una grande risorsa per la città e il turismo. Dopo la ferita del 10  luglio i lavori di pulizia sono terminati e ci viene riconsegnata una pineta pronta per essere vissuta. La pineta libera dagli alberi caduti  trasmette un senso di tranquillità e di serenità, in cui si percepisce la gioia della ripartenza e della natura che si rigenera. E’ solo l’inizio di un percorso di rinascita di questo tesoro verde, unico sulla costa, che continuerà con la presentazione del progetto di Parco Urbano”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here