(Sesto Potere) – Piacenza –  23 gennaio 2023 – Intorno alle ore 16.00 del 21 gennaio 2023 è pervenuta alla Questura di Piacenza la segnalazione di presenza sul territorio piacentino di un cittadino rumeno con a carico un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Roma, inerente a reati contro il patrimonio.

Tempestivamente gli agenti delle Volanti della polizia riuscivano a rintracciare per le vie del capoluogo il soggetto segnalato, unitamente ad altro connazionale.

Gli operatori delle forze dell’ordine procedevano pertanto a perquisizione personale, locale ed estesa alla camera d’albergo affittata dai due.

Presso la struttura gli agenti rinvenivano diversi strumenti d’effrazione, saldatrici, apparecchiatura elettrica, PC, ricetrasmittenti, cavi e somme di denaro non giustificato: tutta strumentazione diretta ad effettuare furti di somme di denaro presso sportelli bancomat, realizzati alterando il funzionamento dell’ATM mediante l’istallazione di un software. Tutta la “strumentazione” veniva poi sottoposta a sequestro.

Gli agenti della Questura di Piacenza , dunque, procedevano alla cattura del segnalato, il quale veniva poi associato alla locale Casa Circondariale; inoltre, i due uomini venivano deferiti per reati contro il patrimonio.

La Questura comunica che sono in corso approfondimenti della locale Squadra Mobile volti a verificare la possibilità di ricondurre i due ad una più ampia attività criminale.

Il pronto intervento delle Volanti – si legge in una nota della Questura – , anche in questa circostanza, ha permesso di assicurare alla giustizia un soggetto destinatario di un ordine di carcerazione, prevenendo, inoltre, preoccupanti condotte criminose aventi ad oggetto i bancomat degli istituti di credito della città.