(Sesto Potere) – Bologna – 7 febbraio 2022 – “Massima disponibilità della Regione ad accogliere le richieste delle rappresentanze consorziate dei pescatori per effettuare il prelievo di novellame delle vongole nella Sacca di Goro”. Così l’assessore regionale all’Agricoltura e Pesca Alessio Mammi che stamattina ha incontrato le organizzazioni professionali dei pescatori e la sindaca di Goro Marika Bugnoli.

“La Regione Emilia-Romagna- assicura Mammi– è disponibile a concedere autorizzazione temporanea e a seguire la concessione per la pesca di novellame nella foce del Po di Goro, che può essere sbloccata a seguito del parere della competente Capitaneria di Porto e del Parco del Delta del Po”. “A questo punto- precisa l’assessore Mammi – aspettiamo da parte delle rappresentanze consorziate dei pescatori che ci arrivi un’istanza di richiesta per effettuare il prelievo di novellame, perché a oggi non abbiamo ricevuto alcuna domanda formale da Goro”.

sacca di goro

L’incontro di stamattina è servito a spiegare nel dettaglio i possibili scenari per autorizzare la pesca del novellame nella foce del Po di Goro, e quali passaggi formali siano necessari per ottenere le autorizzazioni.

Occorre inoltre verificare la questione dei confini tra Emilia-Romagna e Veneto, attraverso un confronto tra le Regioni.

Il timore espresso dalle organizzazioni professionali emiliano-romagnole è che non essendoci chiarezza sui confini demaniali tra le due regioni nella Sacca di Goro, le imbarcazioni venete già in possesso da oggi delle autorizzazioni per i prelievi di novellame (il seme di vongola verace negli allevamenti) possano procedere alla raccolta anche sulla sponda emiliana del Po.