(Sesto Potere) – Bologna – 16 novembre 2021 – L’Emilia-Romagna è la regione italiana in cui le donne possono contare su migliori opportunità di vita e lavoro. Lo attesta una ricerca dell’Unione europea che analizza la condizione femminile in base a sette indicatori: lavoro e denaro, conoscenza, tempo, potere, salute, sicurezza, qualità della vita.

Realizzata combinando due indici – quello di successo e quello di svantaggio femminile – la mappa elaborata dall’Osservatorio sull’uguaglianza di genere della Commissione Ue assegna all’Emilia-Romagna un punteggio complessivo pari a 51, collocandola al vertice della classifica nazionale, seguita da Lombardia e Provincia autonoma di Bolzano, entrambe con 50.  

“Non posso che essere orgogliosa del traguardo raggiunto dall’Emilia Romagna prima regione italiana per parità di genere – ha sottolineato Barbara Lori, assessora regionale alle Pari opportunità-. E il 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza alle donne, sarà un’occasione importante per rinnovare l’impegno comune di tutta la società e delle Istituzioni per contrastare ogni forma di sopraffazione e di violenza e per promuovere una reale parità tra uomo e donna”.

Barbara Lori

Condotta in 235 regioni, l’indagine di Bruxelles evidenza le maggiori difficoltà per le donne in alcuni territori della Grecia, dove il punteggio si attesta tra quota 31 e 35, e della Romania dove si arriva a sfiorare i 30 punti. Dal lato opposto della classifica si colloca invece la regione finlandese di Helsinki-Uusimaa a cui sono stati assegnati ben 79 punti.

La Regione per le politiche attive per il lavoro e il contrasto alla violenza di genere

Dal fondo regionale per l’imprenditoria femminile e women new deal, attivato nel 2021 con una dotazione finanziaria di partenza di 1,7 milioni di euro; agli investimenti sul lavoro “in rosa”: ben 1 milione 355 mila euro per sostenere 42 progetti promossi da Enti locali e mondo dell’associazionismo per aumentare le opportunità di un’occupazione stabile, dignitosa e di qualità.

Solo due delle ultime iniziative in ordine di tempo avviate dalla Regione Emilia-Romagna. Ma non solo. Con oltre 2 milioni di euro la Regione ha finanziato progetti di Enti locali e associazioni del privato sociale per combattere la violenza sulle donne e ogni forma di pregiudizio basata sull’orientamento sessuale.