(Sesto Potere) – Cervia – 6 settembre 2022 – “Prove di cucina popolare”: questo il sottotitolo di “Cinefood”, la nuova iniziativa che si inserisce nell’articolato progetto Cervia Social Food e che si svolgerà a Cervia nelle serate del 14, 15 e 16 settembre, in via Levico 13.

Buona cucina, cinema, solidarietà, socializzazione e cultura antispreco sono gli ingredienti degli eventi, aperti a tutta la cittadinanza.

Mercoledì 14 settembre alle ore 19 è previsto un incontro (in collegamento video) con l’economista Andrea Segré, docente di Politica agraria internazionale e comparata all’Università di Bologna, figura d’eccellenza nella lotta allo spreco alimentare. A seguire, verrà presentato il progetto Cervia Social Food con il sindaco Massimo Medri. Alle 19.45, la cena con l’Osteria La Ciurma di Paola Pirini, alla quale seguirà, alle 21.30, la proiezione del film “Soul Kitchen”, film di Fatih Akin del 2009.

massimo medri

Giovedì 15 settembre, come apertura della serata è in programma l’incontro con Fra Paolo Fantaccini, frate minore francescano del Santuario La Verna. Il progetto sarà presentato alle 19.30 con l’assessore al Welfare Bianca Maria Manzi. La cena, alle ore 19.45, sarà a cura dell’Hotel Cervia di Paolo Giacometti, mentre il film in programma, alle 21.30, è “Chocolat”, tratto dal romanzo dell’autrice britannica Joanne Harris.

Venerdì 16 settembre apre la serata, alle 19.00 l’incontro con Alessandra Bazzocchi e Roberto Casamenti, osti de “La Campanara” di Galeata. Cervia Social Food verrà presentato con Romina Maresi, presidente della Cooperativa San Vitale, capofila del progetto. Alle 19.45 cena con il Ristorante Circolo Pescatori La Pantofla. Il film in programma è “Amore, cucina e curry”, film del 2014. In tutte le serate la pasticceria è offerta da Darsena del Sale di Leo Cavalli.

Per partecipare alle serate è richiesta un’offerta minima di 15 euro, che sarà destinata al progetto Cervia Social Food.

Si consiglia di prenotare il proprio posto alla cena scrivendo a cerviasocialfood@sanvitale.ra.it, oppure telefonando al 3894754250.

“Cervia Social Food” nasce all’interno del progetto “Welfare dell’Aggancio”, avviato in città nel 2013 e che in questi dieci anni ha realizzato azioni di intervento, accanto a quelle dei Servizi, per valorizzare le risorse di cittadini e di gruppi nella creazione di situazioni di benessere, promuovendo anche progetti innovativi come le Porte di Comunità, il Condominio Sociale e il Cantiere Bellezza. In tale contesto sono anche da tempo attivi l’Emporio Solidale e la Mensa Amica per cittadini fragili, che intervengono sul diritto primario al cibo quale percorso per assicurare condizioni di parità e di benessere.

La pandemia e i flussi migratori – anche conseguenti al recente conflitto in Ucraina – hanno amplificato le situazioni di fragilità economica e di isolamento sociale, chiamando Istituzioni e Terzo Settore ad un ruolo più innovativo in termini di progettazione di servizi e di percorsi di cura.

Il progetto “Cervia Social Food” nasce dal percorso di co-progettazione promosso dal Comune di Cervia per costituire una rete locale per il contrasto agli sprechi alimentati e non solo, e per il recupero delle eccedenze. La rete è composta da 23 soggetti tra cooperative, imprenditori, associazioni, organizzazioni di volontariato, enti di formazione, associazioni di categoria, parrocchie, scuole. Tale collaborazione tra realtà territoriali di varia natura ha trovato concretezza in un Accordo di co-progettazione sottoscritto dai 23 soggetti che sono San Vitale Soc. Coop. Sociale (capofila), Parrocchia San Severo Vescovo in Savio, IAL Emilia-Romagna, Caritas Concattedrale Cervia, Gruppo Scout AGESCI Ceria 1, Assoc. “Cervia Buona”, Assoc. “Il Focoloare della Vita”, Assoc. “Cuori Pelosi” ODV, Assoc. “Un Posto a Tavola” ODV , Il Mulino Soc. Coop. Sociale ONLUS, Ecomuseo del Sale e del Mare di Cervia, Caritas Parrocchiale di Cannuzzo, Atlantide Soc. Coop. Sociale, Sole Soc. Coop. Sociale, Parrocchia Madonna della Neve, Confcommercio Imprese per l’Italia ASCOM Cervia, Consorzio Agrario di Ravenna Soc. Coop., Auxilia ONLUS, Gruppo Informale “Il Ricircolo”, Niche Soc. Coop. Sociale, Hotel Luxor, Casa della Salute “Isotta Gervasi”, Romagna Antica SRL.

Le azioni previste dal progetto sono: Emporio solidale, Cucina popolare, Libridine – Piccola farmacia Letteraria, Laboratorio di sartoria e negozio di abiti usati, App locale per i recupero di pasti pronti, Emporio della bellezza.