(Sesto Potere) – Forlì – 18 gennaio 2021 – Il 18 febbraio 2021 ricorrerà il decennale della scomparsa di Angelo Satanassi, partigiano, Sindaco di Forlì dal 1970 al 1979 e Deputato della Repubblica dal 1979 al 1987.

Negli scorsi giorni un Comitato costituito da numerosi cittadini ha sollecitato l’Amministrazione comunale a celebrare la figura di Angelo Satanassi mediante l’organizzazione di un formale momento di ricordo in Consiglio comunale, l’intitolazione di una via o altro spazio pubblico nella città di Forlì e l’organizzazione di un convegno di approfondimento della vita  e dell’opera di tale autorevole figura.

“Ritenendo che con il suo impegno pubblico e civile Angelo Satanassi abbia saputo incarnare una politica capace di superare le appartenenze di schieramento e di collaborare per il bene comune, e che dunque il lascito morale e politico della sua esperienza amministrativa sia patrimonio dell’intera comunità forlivese e rappresenti una lezione democratica tutt’ora valida, abbiamo presentato e proposto alla condivisione di tutti i gruppi consiliari di maggioranza e opposizione una mozione con la quale chiediamo che il Consiglio comunale accolga le proposte avanzate dal Comitato di cittadini, a partire dalla individuazione di un momento solenne e unitario di ricordo della figura e dell’opera di Angelo Satanassi”: scrivono in una nota congiunta i gruppi consiliari del Partito democratico e di Forlì e Co. 

liberazione forlì novembre ’44

“Satanassi è stato altresì un Sindaco che ha rappresentato, con coerenza e dedizione, il senso comune e l’impegno condiviso di tutti i forlivesi, al di là delle loro appartenenze politiche e ideali, per la difesa delle istituzioni democratiche, il progresso civile e la tutela della coesione sociale nel corso di alcuni fra i più critici e delicati passaggi della storia cittadina e nazionale avvenuti negli anni ’70, dalla grave crisi economica provocata dal fallimento della Mangelli, al ripercuotersi sulla nostra comunità degli effetti del feroce attentato terrorista dell’Italicus, costato la vita a Silver Sirotti”: scrivono i due gruppi del centrosinistra del consiglio comunale di Forlì.

“Riteniamo che l’esperienza di Angelo Satanassi come Sindaco di Forlì abbia rappresentato un tornante fondamentale della vicenda storica della nostra città, con il superamento dell’immobilismo dei Commissari Prefettizi e la promozione di scelte i cui effetti si ripercuotono positivamente ancora oggi nella elevata qualità della vita che caratterizza Forlì.  Dalla creazione di una articolata rete di Scuole materne e nidi alla realizzazione del decentramento amministrativo con i Consigli di quartiere, dall’allestimento delle prime aree artigianali attrezzate all’avvio dei lavori per la realizzazione della Diga di Ridracoli, Satanassi ha saputo incarnare un riformismo pragmatico e lungimirante, ispirato alla visione di una Forlì moderna, prospera e sviluppata”: spiegano in particolare i gruppi consiliari del Partito democratico e di Forlì e Co.