Parma, Sappe: in carcere due detenuti saliti sul muro per protesta

(Sesto Potere) – Parma – 23 luglio 2019 – Presso gli Istituti Penali di Parma: due detenuti nel corso della fruizione dei passeggi si sono arrampicati oggi  sul muro dei passeggi ed hanno dimostrato l’intenzione di non  scendere. La situazione s’è sbloccata alle 18 (la protesta era esplosa alle 13.30) soltanto quando  sono intervenuti i negoziatori della procura di Parma e del magistrato di sorveglianza.

carcere di Parma

A renderlo noto è Gianluca Giliberti, Segretario Regionale del Si.N.A.P.Pe per l’Emilia Romagna, che, con un comunicato stampa dai toni perentori, racconta le ore concitate che il personale di via burla sta vivendo.

“Uno dei due detenuti è un nome noto alle cronache penitenziarie tanto che meno di due settimane fa si è reso protagonista di una ignobile e violenta aggressione nei confronti di 4 poliziotti penitenziari”  commenta Giliberti!

“Siamo in attesa di conoscere la reale dinamica e le rivendicazioni sottese a quello che ha tutto il sapore di un plateale  gesto di dissenso messo in atto dai dure reclusi. Possiamo azzardare l’ipotesi che alla base ci sia la mancata assunzione di un provvedimento di trasferimento presso altro Carcere; ma resta solo una delle ipotesi possibili”.

“Dai pochi elementi disponibili – prosegue il Segretario regionale del Si.N.A.P.Pe –  riteniamo di poter escludere che trattasi di un tentativo di fuga essendo praticamente impossibile da quella posizione raggiungere il muro di cinta”.

Sul posto si sono recati  i Vigili del Fuoco e i mezzi di soccorso sanitario, oltre a numerosi poliziotti della penitenziaria chiamati anche a gestire, oltre all’emergenza, anche i serpeggianti malumori che questa situazione sta instillando in tutta la popolazione detenuta.

“Anche questo evento – chiosa Giliberti – serva da monito per l’Amministrazione per descrivere, ove ancora ve ne fosse bisogno, la complessità di un istituto non solo di notevoli dimensioni ma anche estremamente peculiare in relazione all’utenza ospitata”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *