Operazione “Estate Tranquilla”, bilancio controlli dei Nas in tutta Italia

0
351
carabinieri-nas

(Sesto Potere) – Roma – 20 agosto 2020 – Nell’appena concluso fine settimana di Ferragosto, i NAS Carabinieri hanno dato esecuzione ad una estesa campagna di controllo in ambito nazionale finalizzata all’accertamento del rispetto dei livelli di assistenza e di cura presso strutture socio-sanitarie e ricettive.

nas-sequestro-dpi

Il monitoraggio è stato elaborato dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, d’intesa con il Ministero della Salute, in concomitanza con il periodo di maggiore intensità vacanziera della stagione estiva, allorquando si registra un aumento della presenza di anziani nei centri di ricovero, con potenziale rischio di diminuzione del livello di erogazione dei servizi e situazioni di abbandono.

Dal 14 al 16 agosto, l’azione di vigilanza e controllo è stata rivolta a tutte le tipologie di centri dedicati all’assistenza ed ospitalità degli anziani e delle fasce deboli della popolazione (portatori di handicap, persone non autosufficienti, pazienti in riabilitazione, ecc.), quali le residenze assistenziali assistite (R.S.A.), le strutture ad orientamento sanitario-riabilitativo, le case di riposo, le comunità alloggio e le case famiglia.

Nel citato periodo, i NAS hanno ispezionato 265 strutture e centri dedicati all’accoglimento e all’assistenza, individuandone 51 con irregolarità, pari al 19% degli obiettivi, selezionati sulla base di una pianificazione preventiva sul territorio e da segnalazioni pervenute da cittadini.
Nel corso della vigilanza sono state rilevate situazioni penalmente rilevanti che hanno determinato il deferimento all’Autorità giudiziaria di 14 persone addette allo specifico settore, in particolare gestori delle strutture e operatori, accertando episodi di mancata assistenza e abbandono di anziani, specie non autosufficienti.

Ulteriori infrazioni penali hanno riguardato l’esercizio abusivo della professione sanitaria, l’uso di falsi titoli professionali di infermiere ed operatore socio-assistenziale nonché la presenza di personale privo di adeguata preparazione professionale.

Una parte ulteriore di contestazioni interessa violazioni amministrative relative ad inadeguatezze strutturali, gestionali ed autorizzative, quali la presenza di un numero superiore di anziani rispetto al limite previsto e l’uso di spazi e stanze inferiori a quelle minime previste.

Sono state rilevate anche violazioni attinenti il rispetto della normativa di sicurezza dei luoghi di lavoro nonché in materia di autocontrollo e di igiene alimentare.
Complessivamente sono stati segnalati all’Autorità amministrativa e sanitaria 41 gestori e responsabili delle strutture, contravvenzionati con sanzioni pecuniarie per un ammontare di oltre 68 mila euro.

sequestro mascherine

La campagna di controllo sulle strutture socio-sanitarie ed assistenziali si colloca in un più articolato piano di controllo denominato “Estate Tranquilla”, condotto dalla Specialità dell’Arma per tutelare la salute pubblica ed elevare la sicurezza dei comparti di fornitura di beni e servizi di maggiore richiesta durante il periodo vacanziero e turistico.

Complessivamente, da giugno scorso al 19 agosto, il monitoraggio ha già determinato l’esecuzione di 3.600 ispezioni in tutto il territorio nazionale su attività imprenditoriali del settore turistico o situate in aree a preminente vocazione vacanziera come stabilimenti termali e centri benessere, agriturismi, villaggi turistici e stabilimenti balneari, ristoranti, filiera dei prodotti ittici, gelaterie e punti di ristoro delle principali strade e autostrade, stazioni, porti e aeroporti.

Nel corso dei controlli sono state contestate, nel 28% delle strutture oggetto di ispezione, 80 sanzioni penali e comminate 980 violazioni amministrative, per complessivi un milione e 200 mila euro di sanzioni pecuniarie. In particolare, 146 aziende presentavano gravi irregolarità strutturali o igieniche tali da disporre un immediato provvedimento di sospensione dell’attività o di sequestro dell’intero plesso.

Nel medesimo contesto, i NAS hanno operato il sequestro di quasi 24 tonnellate di prodotti alimentari irregolari, in particolare ittici, per un valore commerciale di oltre 200 mila euro, impedendone la commercializzazione ed il consumo finale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here