Ok a nuovo Regolamento dei Quartieri, il plauso della Lega di Forlì

0
177
consiglieri comunali della lega

(Sesto Potere) – Forlì, 22 giugno 2021 – Nella seduta di ieri il consiglio comunale di Forlì ha votato – con il parere favorevole del centrodestra e del M5S e l’astensione del centrosinistra – il nuovo Regolamento dei Quartieri che prevede la riduzione degli organismi da 41 a 21, la nascita di 8 Comitati territoriali e il diritto di voto esteso anche ai cittadini stranieri residenti a Forlì da almeno 3 anni.

l’assessore Cintorino

“Il nuovo regolamento dei quartieri del Comune di Forlì è il frutto di un percorso partecipativo lungo quasi 12 mesi, faticoso ed appassionato, aspro ma inclusivo, che ha visto coinvolti in prima persona tutti i consiglieri comunali, le commissioni, gli uffici, gli stessi quartieri e i loro coordinamenti. Un percorso certamente complesso, caratterizzato dalla manifestazione di opinioni divergenti ma condivisibili, e dalla volontà dell’Amministrazione comunale di lavorare con spirito critico e buon senso con tutte le forze di opposizione del nostro consiglio per giungere responsabilmente alla definizione di un testo migliorativo, più snello, ricalibrato alle mutate esigenze territoriali di questa città e alla sua diffusa domanda di partecipazione”: commenta il gruppo comunale della Lega.

“In questi lunghi mesi, ci siamo più volte incontrati per affrontare scelte di merito, estranee a logiche faziose e di partito, volte esclusivamente al perseguimento del bene comune e al rispetto del ruolo, dell’identità e della storia dei nostri quartieri. Grazie al contributo di tutti, il nuovo regolamento non solo restituisce a questi organismi la loro legittima importanza, trasformandoli in veri centri di partecipazione e di ascolto nel pieno rispetto e valorizzazione del principio costituzionale della cittadinanza attiva, ma li rende più autonomi e responsabili, dotandoli di maggiori risorse, sedi e funzioni”: aggiunge il gruppo consiliare della Lega che rivolge un ringraziamento particolare ai tecnici del Comune che hanno concorso alla stesura tecnica della riforma e all’Assessore con delega al decentramento, Andrea Cintorino, che ha promosso il provvedimento e s’è dimostrata “sempre a disposizione delle forze politiche consiliari per costruire un regolamento che fosse prima di tutto espressione condivisa di tutta la comunità forlivese.”