Obblighi vaccini in nidi e scuole infanzia, Comune di Rimini invia 27 lettere di decadenza

(Sesto Potere) – Rimini – 7 agosto 2019 –  Consegnate ufficialmente dalla Polizia locale di Rimini, sono partite il 6 agosto 2019 le lettere di decadenza dell’iscrizione al nido/scuola dell’infanzia per l’anno scolastico. 2019/2020 a 27 famiglie non in regola con gli obblighi vaccinali previsti per i propri figli iscritti alle scuole per l’infanzia e nidi del Comune di Rimini.Ventisette casi che, al termine fissato per il 10 luglio 2019, non hanno consegnato alcuna documentazione prevista a comprova della regolarità vaccinale dei propri figli, in palese violazione della legge nazionale cosiddetta ‘Lorenzin’, e per questo non potranno né accedere né frequentare le scuole d’infanzia comunali a Rimini. I posti decaduti saranno subito riassegnati, secondo la graduatoria, a coloro che si sono collocati in posizione utile.

Oltre queste 27, altre 23 posizioni sono soggette a monitoraggio ulteriore da parte degli uffici comunali. Si tratta di bambini  per cui sono stati presentati documenti o parziale o non attestanti chiaramente la situazione vaccinale. Per tali posizioni è stato instaurato un contradditorio con richiesta di completare la documentazione con certificato vaccinale di frequenza ed assegnazione di un termine perentorio.

polizia locale rimini

“L’invio delle 27 lettere  -e l’avvio del monitoraggio per le altre in sospeso – è solo l’ultimo passaggio – ricorda Mattia Morolli, assessore ai servizi educativi del Comune di Rimini -del complesso percorso di recupero degli inadempienti all’obbligo vaccinale avviato nel 2017 dopo l’approvazione della relativa legge. Un percorso molto lungo e duro, che, almeno per il Comune di Rimini, ha però permesso di recuperare gradualmente il gap romagnolo, e riminese in particolare, avvicinandolo sempre di più alla media della Regione Emilia  – Romagna.   La decadenza dalla frequenza scolastica per i 27 casi citati è logica conseguenza di questa attività portata avanti per la tutela della salute di tutti i bambini e delle loro famiglie, riconosciuta anche dal Tar dell’Emilia Romagna nella sentenza che a fine maggio ha respinto i ricorsi contro l’ordinanza ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *