(Sesto Potere) – Roma – 10 novembre 2021 – Secondo i dati settimanali del Mite-Ministero della Transizione Ecologica, salgono ancora i prezzi dei carburanti, con la verde che raggiunge la media di 1,751 euro al litro.

“Ma in numerosi distributori la benzina, in modalità servito, ha già superato la soglia psicologica dei 2 euro al litro – denuncia il Codacons – Su base annua la verde ha subito un rincaro del +27%, e il diesel addirittura del +29,2%.
Ciò significa che oggi una famiglia spende in media +447 euro all’anno per i rifornimenti di un’auto a benzina, +438 euro annui per una auto a gasolio. Numeri che, in assenza di interventi, avranno effetti depressivi sui consumi di Natale.

“Con la benzina alle stelle si rischia una “gelata” sulle spese di Natale, in quanto gli incrementi dei carburanti determinano effetti diretti sui prezzi al dettaglio e generano rincari in tutti i settori, come dimostrato dalla fiammata dell’inflazione – afferma il presidente del Codacons Carlo Rienzi – Il Governo deve intervenire prima delle festività natalizie per tagliare la tassazione su benzina e gasolio e frenare l’escalation dei prezzi, o ci saranno serie conseguenze su consumi e commercio”.