Nuovi centri commerciali, Verdi Forlì-Cesena chiedono moratoria

0
217
i verdi di fc

(Sesto Potere) – Forlì – 24 maggio 2020 – Europa Verde Forlì-Cesena chiede a tutte le associazioni, forze politiche e cittadini preoccupati del progetto del nuovo ipermercato alle porte del centro storico di Forlì, tra via Bertini e via Balzella di condividere l’appello al Comune ed alla Regione affinché impongano una moratoria sui nuovi centri commerciali per salvare il commercio.

i verdi di f-c

La notizia del nuovo ipermercato alle porte del centro storico di Forlì, tra via Bertini e via Balzella, purtroppo non è nuova. Siamo contenti che Confesercenti e Confcommercio e tante altre voci ora si oppongano a questa realizzazione, ma nella sostanza le varianti introdotte da questa giunta sono irrilevanti rispetto al piano precedente (presentato nel corso del mandato della giunta Drei, ndr) , che prevedeva già 10’000 metri quadri di nuovi centri commerciali. La realtà dei fatti è che gli unici ad opporsi veramente, con osservazioni, comunicati stampa, controdeduzioni e voti contrari sono stati (nel precedente mandato amministrativo comunale, ndr) i Verdi ed il PSI con il consigliere Bertaccini: sulla cementificazione la Lega Nord è sempre stata a supporto del progetto presentato dal PD in passato”: spiegano in una nota i Verdi.

“96 centri commerciali nuovi nel POC, di cui 25 per strutture medio grandi da 25000mq e 71 medio piccole da 1500mq approvati con il consenso di tutti, tranne il nostro. Ci opponiamo, oggi come allora, anche a questo nuovo centro insensato a pochi metri dal Punta di Ferro e dalla stazione, dove del progetto dei Portici restano solo capannoni sfitti, ed alle porte del centro storico, con effetti potenzialmente devastanti sui piccoli negozi. Le compensazioni, poi, sono una bella presa in giro: si aggiungono migliaia di metri quadri di cemento tolto ad uno spazio oggi verde, ed in cambio si ottengono le infrastrutture necessarie allo stesso insediamento e qualche albero vicino al fiume, in aree già verdi. Non sfiora nemmeno l’idea di una equivalenza di superficie cementificata da riportare alla natura”: si legge nella nota di Europa Verde Forlì-Cesena.

“Non ci sono scuse: se si vuole, si può fermare questo scempio, così come si possono fermare gli altri definiti illegittimi dalla programmazione provinciale. Ci sono le ragioni dell’emergenza sanitaria ed economica, c’è l’emergenza climatica ed il connesso obiettivo di consumo di suolo zero che al momento è solo un titolo di una norma che prende in giro i cittadini, lasciando libertà di costruire su questi spazi ora verdi senza vere limitazioni”: concludono i Verdi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here