No ai vigili del Fuoco al Ridolfi di Forlì. Ragni (Fi): “Intervenga il governo”

(Sesto Potere) – Forlì – 18 luglio 2019 – Nuove reazioni politiche , dopo quelle di esponenti del Pd, alla notizia che  si è conclusa con un nulla di fatto  la trasferta a Roma, dell’  amministratore delegato della società di gestione  Fa srl ,  Sandro Gasparrini ,  per ottenere e un presidio stabile dei Vigili del Fuoco sulla pista dell’aeroporto Ridolfi di Forlì.

ragni

“Siamo sicuri che il Ministero dell’interno   garantirà  il massimo lo sforzo per allineare tutte le necessità di legge e consentire alla nuova società di gestione dell’aeroporto di Forlì possa  far definitivamente decollare ,  assieme ai servizi necessari , anche la programmazione di volo. In particolare, per la costituzione del presidio dei Vigili del Fuoco , a cui seguirà la presenza delle forze dell’ordine all’interno dello scalo di via Seganti”: commenta   il coordinatore comunale di Forza Italia , Fabrizio Ragni.

“Si attende uno scatto che solo il ministero dell’Interno, Salvini , può  fornire concedendo il via libera con l’apposito decreto al trasferimento del personale in loco”:  è l’auspicio dell’esponente azzurro , che dal lontano 2013 (dopo il fallimento di “Seaf” e il successivo esperimento surreale  della società  “Air Romagna” di Robert Halcombe) incalza puntualmente e

volo per aeroporto forlì ,  foto archivio

periodicamente le istituzioni locali e regionali per riaffermare l’operatività dello storico aeroporto romagnolo, da lui considerato “una struttura essenziale per la nostra città e il territorio limitrofo”.

“In questa fase è fondamentale che si valuti il reinserimento dell’aeroporto forlivese  tra quelli di interesse nazionale e si proceda con tutti i via libera agli adempimenti burocratico-amministrativi previsti dalla legge , per non arrecare un serio danno ad  un progetto imprenditoriale  avviato da un gruppo di  solide imprese   private guidate da valenti  manager. Un  progetto molto importante per la nostra città e l’intero  territorio  confinante,  non soltanto come presidio di trasporto,  ma anche per la valenza commerciale e turistica  che determina con l’indotto ”:  commenta il coordinatore comunale di Forza Italia  Fabrizio Ragni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *