(Sesto Potere) – Bologna – 7 dicembre 2022 – Sarà possibile adottare la Pigotta dell’UNICEF in oltre 300 piazze in Italia e presso i Comitati UNICEF fino al 23 dicembre e sostenere il lavoro del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia nelle emergenze, con particolare attenzione ai programmi di lotta alla malnutrizione infantile.

“Adottando una Pigotta si possono aiutare tanti bambini che nel mondo vivono in situazioni di emergenza e in particolare coloro che soffrono di malnutrizione” – ha dichiarato Carmela Pace, Presidente dell’UNICEF Italia. “Per questo Natale invito tutti ad andare nelle piazze e presso i Comitati UNICEF e adottare una Pigotta, in questo modo si farà felice chi la riceverà in dono, garantendo supporto e nutrizione a tanti bambini che nel mondo hanno bisogno di aiuto. Ringrazio di cuore i volontari dell’UNICEF che anche quest’anno dedicano il loro tempo a questa bellissima iniziativa.”

La Pigotta da oltre 20 anni è la popolare bambola di pezza dell’UNICEF, realizzata dai volontari UNICEF attraverso attività nelle scuole, nei centri anziani o nei comitati locali presenti sul territorio italiano.

Ogni Pigotta adottata, rappresenta un circolo di solidarietà che unisce coloro che l’hanno realizzata, le persone che l’hanno adottata e i bambini che grazie alla donazione verranno aiutati.

Quest’anno, la storica bambola di pezza sostiene il lavoro dell’UNICEF nelle emergenze, con particolare attenzione ai programmi di lotta alla malnutrizione infantile.

La crisi globale della nutrizione, acuita anche dalla guerra in Ucraina, sta causando un rapido aumento del numero di bambini sotto i 5 anni che soffrono di malnutrizione acuta grave. 

Dall’inizio dell’anno, ogni giorno, nei 15 paesi più duramente colpiti (Afghanistan, Burkina Faso, Ciad, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, Haiti, Kenya, Madagascar, Mali, Niger, Nigeria, Somalia, Sud Sudan, Sudan e Yemen), 1 bambino al minuto è stato colpito da malnutrizione acuta grave e oltre 8 milioni di bambini sotto i 5 anni potrebbero morire per malnutrizione acuta grave se non ricevono subito cure e alimenti terapeutici.

È possibile adottare la Pigotta dell’UNICEF a fronte di un contributo minimo di 20 euro.

In Emilia-Romagna si troverà la Pigotta anche nelle piazze di: Bologna, Ferrara, Reggio Emilia, Forlì, Ravenna e Cesena.
Cerca la piazza e/o il Comitato UNICEF più vicino sul sito: https://www.pigotta.it/piazze-unicef/