(Sesto Potere) – Riccione 30 marzo 2022 – La primavera- estate del Museo del Territorio si apre con conferme e iniziative inedite. L’assessore ai Servizi Educativi, Biblioteca e Museo Alessandra Battarra e il responsabile Andrea Tirincanti (vedi foto qui a lato) hanno incontrato nella giornata di ieri associazioni e comitati per illustrare le attività in programma e i progetti del museo che sorgerà alla ex fornace.

Occasione anche per testare con mano le nuove tecnologie della realtà aumentata disponibile nel museo e visitare i depositi in cui sono custoditi i reperti archeologici.

Tra le conferme il ritorno dei classici dell’estate con “Storia e storie in spiaggia” ossia i laboratori tenuti negli stabilimenti balneari in collaborazione con la biblioteca e che ogni estate riscuotono un grande successo. Confermati anche i laboratori serali di archeologia al Museo sempre rivolti a bambini e famiglie.

Grande novità di quest’anno tra maggio e giugno l’avvio di scavi archeologici al Castello degli Agolanti sotto la direzione dell’Università di Bologna Dipartimento Storie Cultura Civiltà, con visite guidate tenute da archeologi e il coinvolgimento di studenti universitari.

Il Castello sarà anche protagonista, tra giugno e agosto, di altre visite guidate in compagnia di rievocatori storici, sulla scia delle esperienze tenutesi nelle scorse stagioni.

Previsti anche appuntamenti serali con laboratori al Parco degli Olivetani e al Ponte Romano e la replica delle visite al sito archeologico di San Lorenzo in Strada. Eventi di comunità di quartiere e di richiamo dal punto di vista turistico.

Castello degli Agolanti 

“Il Museo deve essere un unicum con tutta la città – ha esordito l’assessore Battarra -ecco perché ritengo importante che i nostri operatori vedano con i loro occhi cosa proponiamo per essere loro stessi promotori con i turisti anche delle varie iniziative culturali che organizziamo, soprattutto in vista del nuovo museo in cui verranno predisposti spazi per allestire mostre contemporanee e creati nuovi percorsi. Grazie a collaborazioni virtuose con bagnini, albergatori, commercianti e operatori possiamo arricchire un calendario di proposte rivolte a tutte le fasce d’età”.  

Tra le iniziative in campo che vedranno coinvolto già oggi, giovedì 31 marzo, il Museo di Riccione in rete con il Museo Internazionale della Ceramica di Faenza e il Museo del Delta del Po di Comacchio sarà la presentazione del progetto “Museo del Territorio.
Una realtà veramente immersiva” con al centro l’esperienza digitale e le nuove opportunità di interazione tra visitatori e contenitori museali.

Il progetto nasce in collaborazione Servizio Patrimonio Culturale della Regione Emilia-Romagna, il supporto di ART-ER , Clust-ER CREATE, La Jetée e SmartFactory. Prevista una diretta streaming dalle 10 alle 12, sulla pagina facebook di ART-ER e del Servizio Patrimonio Culturale della Regione e sul canale YouTube di ART-ER.