(Sesto Potere) – Ferrara, 28 ottobre 2022 – Si è concluso il nuovo allestimento della Sala del Tesoro del Museo Archeologico Nazionale di Ferrara, ultimo step della grande iniziativa del Ministero della Cultura “100 opere tornano a casa” partita ad inizio anno per promuovere e valorizzare il patrimonio storico artistico e archeologico italiano conservato nei depositi dei luoghi d’arte statali.

Grazie a questo progetto il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara ha acquisito all’interno della sua collezione, per un deposito a lungo termine, tre opere realizzate nel corso del ‘500 da Benvenuto Tisi, detto il Garofalo, provenienti da due grandi musei italiani, la Pinacoteca di Brera a Milano e la Galleria Borghese a Roma.

La conferenza stampa di presentazione del nuovo allestimento si terrà presso Palazzo Costabili il prossimo 3 novembre alle ore 11:30 alla presenza del Direttore Regionale Musei Emilia-Romagna, del curatore scientifico del progetto “100 opere tornano a casa” Caterina Bon Valsassina e di varie autorità cittadine.

comunicato stampa ferrara tesoro

“Sono entusiasta del risultato di questo allestimento, – dice il Direttore Regionale Musei Emilia-Romagna Giorgio Cozzolino -, progettato dallo studio ferrarese QB Atelier Popolare d’Architettura, e concluso nel giro di pochi mesi grazie alla professionalità del personale interno del museo e dei colleghi del ministero. Qui a Ferrara la scelta di esporre queste tre opere del Garofalo presso la sede del Museo Archeologico, – prosegue Cozzolino -, trova una sua ragione d’essere nella meravigliosa volta realizzata dallo stesso artista tra il 1503 e il 1506 nella cd. Sala del Tesoro, che oggi accoglie i visitatori in una veste completamente rinnovata ma rispettosa del suo valore storico-artistico”.

Il progetto di allestimento ha dunque unito la valorizzazione del contesto alle necessità espositive delle tre opere da esporre. In particolare l’idea è stata quella di costruire dei nuovi fondali capaci di integrare non solo le opere esposte ma anche altri elementi tecnici necessari alla nuova funzione espositiva della sala. Si è inoltre proceduto ad ammodernare il sistema illuminotecnico ed è stata realizzata una nuova bussola di ingresso concepita come un elemento che funge da filtro tra spazio esterno ed interno.

 “Questa è una nuova occasione, – commenta Tiziano Trocchi Direttore del Museo Archeologico -, per ampliare l’offerta della nostra collezione e offrire al pubblico un percorso non solo strettamente legato all’archeologia ma più in generale alla storia artistica della città”.