Mostra fotografica di Steve McCurry, visite guidate sul tema del cibo

0
222

(Sesto Potere) – Forlì – 25 novembre 2019 – Si è svolta questa mattina, presso il Salotto del Mercato delle Erbe, piazza Cavour, Forlì, la conferenza stampa di presentazione del ciclo di visite guidate alla città e alla mostra di Steve McCurry dal titolo “Forlì e il Cibo”.

Sono intervenuti:Monica Fantini, vicepresidente Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, responsabile Civitas srl, ideatrice Terra del Buon Vivere e curatrice mostra “Il cibo” di Steve McCurry; Serenella Vasini, responsabile Tribucoop; Silvia Sansovini, responsabile Confguide Forlì Cesena; Renata Furia, presidente Associazione Mercato delle Erbe; Alessia Baccanelli e Ilenia Mengozzi , Associazione Mercato delle Erbe; Marco Viroli e Gabriele Zelli, ideatori degli itinerari sul cibo in città.

In occasione della mostra del grande fotografo americano Steve McCurry che ha come soggetto il cibo, Marco Viroli e Gabriele Zelli hanno ideato quattro visite alla città sullo stesso tema, condotte dalle guide di Confguide Forlì. Ogni visita avrà come punto d’arrivo il San Domenico dove, chi lo desidererà, potrà visitare la mostra fotografica di McCurry.

I quattro itinerari saranno ripetuti in due date diverse a cui prenderanno parte Marco Viroli e Gabriele Zelli.  Le visite guidate che sono ad aggregazione libera e gratuita nella prima parte cittadina, non si svolgeranno in caso di pioggia. L’ingresso alla mostra Cibo sarà a tariffa ridotta (biglietto d’ingresso scontato mostra € 10,00 + € 5,00 per la guida).

Il primo incontro giovedì 28 novembre (con replica giovedì 12 dicembre 2019), alle ore 15.00 ritrovo in piazza Saffi, con la visita condotta da una guida di Confguide Forlì aperta a tutti sul tema: “Il pane quotidiano: i mulini e il canale di Ravaldino”. Interverranno Marco Viroli e Gabriele Zelli.

In piazza Saffi si inizierà raccontando l’importanza per la città che ebbe il Canale di Ravaldino, lungo il quale si insediarono tutte le attività artigianali che sfruttavano la forza dell’acqua per far funzionare i macchinari, in particolare i mulini. Verrà inoltre raccontata anche la storia di Sante e Fabrino che ricostruirono la chiusa, posizionata a San Martino in Strada dopo un alluvione dell’ottobre del 1431 (“Dismarì. Personaggi e storie nella Forlì del Quattrocento” di Sergio Spada).
Itinerario:  Piazza Saffi – l’ampliamento del Palazzo Comunale e la costruzione del “Ponte buio”; poi Piazzetta ex Pescheria – ci si sofferma a raccontare l’antica funzione della piazzetta; a seguire  Vicolo Matteucci – dove si potrebbe riuscire a sentire scorrere l’acqua del canale; poi il Voltone delle Graticole di San Domenico – dove si narra dell’origine del nome; si prosegue per Via Caterina Sforza – ex Mulino Faliceto; poi Via Caterina Sforza – angolo via Andrelini – dove si ricorda la presenza di uno dei lavatoi pubblici e infine arrivo al San Domenico alle ore 16.30 con possibilità, per chi lo desidera, di visitare la mostra fotografica “Il Cibo” di Steve McCurry ad aggregazione libera.

Gli altri incontri sono in agenda: sabato 30 novembre, sabato 14 dicembre 2019mercoledì 4 dicembre, mercoledì 18 dicembre 2019, giovedì 5 dicembre, e  giovedì 19 dicembre 2019 .

La mostra “Cibo” del fotografo americano Steve McCurry è ospitata fino al 6 gennaio 2020 ai Musei Civici San Domenico, in Piazza Guido da Montefeltro , si tratta di un’esposizione inedita a livello mondiale con immagini per larghissima parte mai esposte e stampate precedentemente. La mostra, prodotta da Civitas srl, con il sostegno Comune di Forlì e della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, è parte del capitolo “Mostre del Buon Vivere” dell’omonimo progetto di marketing territoriale. Ogni fotografia di Steve McCurry cerca l’universale nel particolare. È paradigmatica di una persona o di un’intera comunità: vale per le figure commoventi che consumano un pasto nella solitudine o nel dolore, come per i frammenti di mercati in cui i pesci, la frutta o le spezie si fanno odori, suoni, sapori e partecipazione emotiva

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here