Modena, tossicodipendenze: nuovo protocollo tra prefettura e asl

0
167

(Sesto Potere) – Modena – 7 novembre 2019 – Rinnovato il 6 novembre a Modena il protocollo d’intesa tra prefettura e azienda Unità sanitaria locale (Ausl) relativo al procedimento nei confronti delle persone segnalate per detenzione di sostanze stupefacenti. Il prefetto Maria Patrizia Paba e il direttore generale dell’Ausl Antonio Brambilla (vedi foto) hanno firmato il rinnovo dell’intesa siglata la prima volta nel 2016, e che nell’arco di 3 anni ha prodotto la riduzione dei tempi per i colloqui dei segnalati in prefettura e per l’emissione dei provvedimenti nei loro confronti.

Questi gli obiettivi del protocollo rinnovato:  ridurre ulteriormente i tempi tra segnalazione delle Forze dell’ordine alla prefettura e colloquio con gli operatori del nucleo operativo tossicodipendenze (Not) dello stesso ufficio territoriale del governo, per evitare l’insorgere di dipendenze a danno della persona segnalata;  velocizzare il contatto tra questa e il servizio Tossicodipendenze (Ser.T.) per facilitare una relazione terapeutica efficace e personalizzata;  indirizzare durante lo stesso colloquio la persona a un percorso di recupero da concordare con il Ser.T. anche per ampliare le conoscenze sulle dinamiche che portano al consumo di droghe; e  proseguire la collaborazione con l’unità di Epidemiologia del dipartimento Sanità pubblica dell’Ausl sui progetti già attivi su comportamenti e stili di vita sani, soprattutto a tutela dei ragazzi.

In quest’ottica proseguirà grazie al rinnovo del protocollo, annuncia la prefettura modenese, il progetto

prefettura_modena

educativo “Cannabis e salute: rischi per la salute ed aspetti legali” portato avanti dal 2010 da prefettura e Ausl.che fin dal 2010 è attivo grazie alla collaborazione tra Prefettura e Azienda U.S.L.

Dedicato ai giovani dai 18 ai 25 anni segnalati per la prima volta dalle Forze dell’ordine alla prefettura per uso di cannabis il progetto  – primo a livello nazionale – riguarda un corso di informazione/educazione sugli aspetti clinici, psicologici e legali delle tossicodipendenze.

Un percorso educativo di supporto alla crescita che nel tempo è stato esteso ai minorenni (accompagnati dai genitori), e che ha già registrato nel 159 partecipanti nel 2019, di cui 120 adulti e 39 minori per un totale di 6 incontri, Altri 2 sono già in programma a dicembre, rivolti a 40 maggiorenni e a 14 minori.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here