(Sesto Potere) – Modena – 30 novembre 2021 – Dal cantiere in via di ultimazione per consolidare le sponde del torrente Scoltenna, nel tratto al confine tra i Comuni di Pavullo nel Frignano e Montecreto, alle opere di sicurezza idraulica tra Pian della Valle ed Olina.

E ancora: dai lavori sul torrente Versale, a Sestola, di cui si è recentemente concluso il primo stralcio, al nuovo pacchetto di interventi pronti a decollare per completare i progetti già avviati. 

Sono alcune delle tappe del tour nell’Appennino modenese dell’assessore regionale alla Difesa del suolo e Protezione civile, lrene Priolo, che oggi insieme al sottosegretario alla Presidenza, Davide Baruffi, ha partecipato a una serie di sopralluoghi relativi a interventi di prevenzione del dissesto idrogeologico.

L’occasione per incontrare i sindaci dei Comuni interessati, Davide Venturelli di Pavullo, Lenardo Bonucchi di Montecreto e Fabio Magnani di Sestola, oltre a una delegazione del Saer, il Soccorso alpino Emilia-Romagna, associazione attiva nel campo della protezione civile e nel soccorso speleologico. 

“La Regione- affermano Priolo Baruffi- sta mettendo un grande impegno per accrescere la sicurezza del territorio appenninico e di chi lo vive. Nei primi due anni di mandato, solo tra Montecreto e Sestola, sono stati programmati oltre 30 interventi per circa 7 milioni e 300mila euro: è il segno della centralità riconosciuta alla montagna, che si traduce in azioni per risolvere le criticità aperte. Opere di fondamentale importanza per la qualità della vita delle comunità locali”.

Montecreto, in particolare, si sono chiusi i lavori di ripristino dell’officiosità idraulica del torrente Scoltenna e sono state realizzate sottofondazioni delle difese spondali danneggiate tra Pian della Valle e Olina.
Un investimento da 350mila euro che si unisce a quello in avanza fase di esecuzione per rafforzare le sponde del corso d’acqua e accrescere la sicurezza della località Lughetto, con un investimento di 900mila euro

Sestola, invece, è stato completato il primo stralcio dei ripristini delle opere idrauliche e regimazione delle acque del torrente Vesale, per un valore di 487mila euro: opere che puntano a sistemare i danni causati dal maltempo del 2020.
I lavori proseguiranno nei prossimi giorni con l’avvio di un nuovo pacchetto di interventi da 600mila euro, in prossimità della località Molino dei Baconi.