Modena, Anva mercato del lunedì: “Situazione in profondo rosso”

0
220

(Sesto Potere) – Modena – 23 gennaio 2021 – ANVA Confesercenti Modena sottolinea come il mancato coinvolgimento delle associazioni di categoria degli ambulanti da parte del Presidente del Consorzio prima della firma della nuova convenzione non abbia prodotto risultati sufficienti per gli operatori. Ora gli ambulanti vogliono azioni concrete da parte del Consorzio per contenere i costi

“E’ mancata collaborazione”. E’ categorica la posizione di ANVA (Associazione Nazionale Venditori Ambulanti) Confesercenti Modena: “Se il Consorzio avesse lavorato da subito insieme alle associazioni di categoria probabilmente il risultato finale sarebbe stato più vantaggioso per tutti e la tensione minore. Se arriverà a una riduzione del canone nel 2021 come da delibera comunale lo si deve solo ed esclusivamente al lavoro incessante e costante messo in campo da Anva Confesercenti e Fiva Confcommercio, e non da altri. Finalmente – sempre grazie ad anni di pressing da parte delle associazioni – è stata inserita in convenzione la tracciabilità delle somme di denaro gestite dal Consorzio per conto del Comune, così come i pari diritti tra i soci e non soci del Consorzio”.

La riduzione del canone è vista da ANVA Confesercenti come un utile primo passo, ma ancora insufficiente a risollevare le sorti di un mercato da mesi in profondo rosso a causa delle restrizioni dovute alla pandemia: “Se guardiamo agli incassi giornalieri quelli del mercato del lunedì di Modena sono tra i più bassi della provincia. Ci sono operatori che non fanno cassa se non con poche decine di euro, insufficienti anche solo a coprire i costi vivi di posteggio, furgone, rifiuti. E’ palese che non sia possibile per gli ambulanti continuare a lavorare in questa situazione”.

ANVA Confesercenti Modena fa appello a misure più incisive, che devono essere messe in campo in primis proprio dal Consorzio degli ambulanti: “Quello che chiediamo al Consorzio ora è un segnale concreto: una forte riduzione dei costi di gestione, a vantaggio di tutti gli operatori del mercato”.