Misano Adriatico (Rn): maxi operazione anti droga dei cc

0
91
carabinieri di rimini

(Sesto Potere) – Rimini – 31 marzo 2020 – I carabinieri della Stazione di Misano Adriatico, al termine di una complessa ed articolata attività investigativa iniziata nel febbraio 2019, hanno dato esecuzione a tre provvedimenti di custodia cautelare in regime di arresti domiciliari nei confronti di due uomini (di 56 anni) ed una donna (di 50 anni), nati a Bergamo e residenti tra Misano Adriatico (RN) e Chignolo d’isola (BG), tutti con precedenti penali.

carabinieri di rimini

I militari dell’arma misanesi , coadiuvati nelle fasi esecutive dai militari della Compagnia di Treviglio (BG), ovviamente  adoperando ogni cautela utile a prevenire il contagio da Covid-19 hanno raccolto i frutti di un’indagine che ha visto deferire all’Autorità giudiziaria di Rimini ben 8 persone, tutte ritenute a vario titolo responsabili del reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

L’indagine, come premesso, trae origine nel febbraio 2019 a seguito dell’arresto di  A.L.L. per aver ceduto 4 flaconi di metadone ad un tossicodipendente di Misano Adriatico.

Sin da subito l’attenzione degli inquirenti si era rivolta ad una particolare attività di monitoraggio dell’arrestato poiché forte era il sospetto che anche dopo il suo arresto avrebbe proseguito nell’attività illecita, unico mezzo di sostentamento. Ed infatti, soli due giorni dopo l’adozione del provvedimento restrittivo, A.L.L. veniva nuovamente sorpreso a cedere hashish a due giovani del luogo presso il suo appartamento.

Il proseguo delle indagini – coordinate dalla Dott.ssa B. Sost. Proc., ha poi consentito di acclarare che il canale di approvvigionamento dello stupefacente risultava essere proprio nel tranquillo paesino della bergamasca, dove A.L.L. aveva mantenuto i contatti con alcuni amici di vecchia data, D.L.S. e L.M., coppia di coniugi che avevano fatto del traffico di sostanze stupefacenti il personale mezzo di sostentamento. E per rendere ancor più redditizio il business avevano cominciato a rifornire di Hashish A.L.L., il quale provvedeva poi a spacciare lungo la riviera.

Numerose le cessioni documentate e numerosi gli elementi raccolti a carico dei tre principali indagati, tutti titolari di autonome attività di spaccio, in concorso nel caso dei coniugi bergamaschi. Questi ultimi, in particolare, come emerso nel corso delle indagini tecniche, in alcune occasioni avevano effettuato cessioni di stupefacente anche in presenza della figlia minore, aggravando di fatto la condotta delittuosa.

Al termine delle formalità di rito, gli arrestati sono stati quindi sottoposti in regime di arresti domiciliari presso le proprie abitazioni, in attesa del successivo intervento dell’Autorità giudiziaria per gli interrogatori di garanzia.

I restanti 5 indagati, nei cui confronti non sono state ravvisate esigenze cautelari, attendono a piede libero lo sviluppo della vicenda processuale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here