Minacce BR ai sindaci di Rimini, Ravenna e Forlì, solidarietà di Filippo Lo Giudice (Ugl)

0
106

(Sesto Potere) – Forlì – 11 novembre 2020 – “Nell’ esprimere la più sentita solidarietà umana e vicinanza istituzionale ai sindaci della Romagna che in questi giorni si sono visti recapitare lettere intimidatorie firmate Nuove Brigate Rosse, evidenziamo, altresì il clima d’odio e di radicalizzazione ideologica che sta montando in queste delicate settimane di pandemia sanitaria. Come confederazione sindacale siamo stati anche noi oggetto di attacchi squadristici, le nostre sedi imbrattate di slogan e minacce, che non sottovalutiamo e che abbiamo denunciato alle forze dell’ordine”: così Filippo Lo Giudice, (nella foto in alto), segretario territoriale dell’Ugl di Forlì-Cesena-Rimini e Ravenna, a proposito dei recenti episodi che hanno visto come bersaglio i sindaci di Rimini Andrea Gnassi, di Ravenna Michele De Pascale, e di Forlì Gian Luca Zattini. “Amministratori di sinistra e di destra a sottolineare il fatto che in questo momento è preso di mira chi ha responsabilità amministrative e socio-economiche, senza distinzione di appartenenza o colore politico. Come Ugl non ci faremo mai intimidire, non ci piegheremo mai ad atti o parole intimidatorie e chiamiamo le singole comunità e le istituzioni a tenere alta l’attenzione ed a restare unite contro chi propaga violenza verbale o materiale. Nell’attesa che, grazie al lavoro delle forze dell’ordine che sono state già informate, si possano individuare al più presto i responsabili di queste minacce”: conclude il segretario territoriale dell’Ugl di Forlì-Cesena-Rimini e Ravenna, Filippo Lo Giudice.