(Sesto Potere) – Meldola – 1 novembre 2021 –  La riapertura della Chiesa di Cosimo, avvenuta nel tardo pomeriggio di sabato scorso, è un evento che rimarrà nella storia di Meldola.

Dopo un lungo restauro, realizzato con sapienza e maestria, la bellissima Chiesa di San Cosimo, costruita sul finire del settecento, è stata riaperta ai suoi fedeli ed a tutta la Città. Presenti alla riapertura Don Mauro Petrini, il Vescovo Monsignor Livio Corazza, il Sindaco di Meldola Roberto Cavallucci, il Presidente della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì Maurizio Gardini, l’Avvocato Piergiuseppe Dolcini, il progettista e direttore lavori Arch. Umberto Zaccarini, il restauratore Andrea Giunchi e le maestranze.

Straordinaria ed eccezionale la partecipazione di cittadini che hanno atteso con pazienza, nel piccolo sagrato della Chiesa, il taglio del nastro per poi entrare in quello che è uno straordinario monumento carico di storia e scrigno di tesori artistici ed architettonici di inestimabile valore.

Meldola ritrova dunque uno dei suoi simboli più belli!

“Con la tutela e la conservazione dei luoghi di culto si alimenta la memoria e si rafforza l’identità di una comunità. Se tutto ciò è stato possibile lo si deve certamente a tante persone ma soprattutto a Don Mauro, alla sua sensibilità, alla sua tenacia, alla sua attenzione ed al suo impegno nella valorizzazione e conservazione di un patrimonio architettonico ed artistico, quello della Chiesa, che attraversa il tempo e di cui è stato sempre un attento custode. A Don Mauro giunga un immenso e sincero ringraziamento da parte di tutta la Città di Meldola”: commenta il sindaco Roberto Cavallucci.