Medici di base si rifiutano di vaccinare i pazienti: esposto Codacons in 104 Procure italiane

0
330

(Sesto Potere) – Roma – 9 marzo 2021 – Contro i medici di base che rifiutano di vaccinare i propri pazienti il Codacons ha presentato un esposto a 104 Procure della Repubblica di tutta Italia affinché siano aperte indagini penali sui camici bianchi ribelli. “Da nord a sud Italia aumentano le segnalazioni da parte di anziani i cui medici di famiglia rifiutano di somministrare il vaccino anti-Covid: dopo Roma e Lazio, casi analoghi si sono registrati a Gela e Pesaro”: spiega il Codacons.

“Il compito di vaccinare i pazienti che rientrano nel piano vaccinale non è una facoltà dei medici di base ma un preciso obbligo a loro carico, cui non è possibile sottrarsi. Una situazione che ritarda l’intero piano vaccinale italiano e potrebbe avere ripercussioni sul piano penale. Rifiutare le vaccinazioni potrebbe costituire infatti ipotesi penalmente rilevanti come l’interruzione di pubblico servizio, e aprire la strada a provvedimenti disciplinari che potrebbero portare i medici ribelli ad essere esclusi dal Servizio Sanitario Nazionale.

Non solo. I medici hanno anche il dovere di segnalare alle Asl i pazienti fragili che, seppur non inseriti nel piano vaccinale, necessitano di vaccinazione”: aggiunge il Codacons in una nota.

L’associazione ricorda che nel Lazio il dovere di segnalare alle Asl i pazienti fragili è diventato un obbligo come stabilito dalla delibera regionale secondo cui all’elenco degli aventi diritto al vaccino “vanno aggiunti i soggetti identificabili come eleggibili esclusivamente a seguito di valutazione clinica del professionista”.

“Richiesta che tuttavia alcuni medici stanno rifiutando”: afferma il Codacons nel comunicato e per tale motivo con un esposto presentato a 104 Procure della Repubblica di tutta Italia l’associazione ha chiesto alla magistratura di “avviare indagini sul territorio tese ad accertare l’operato dei medici di base e procedere per la possibile interruzione di pubblico servizio nei confronti di coloro che rifiutano di vaccinare i cittadini che ne hanno diritto”.