Mascherine FS, avviata produzione ‘in house’, saranno realizzate a Bologna

0
241

(Sesto Potere) – Bologna – 20 luglio 2020 – Il Gruppo FS Italiane produrrà in proprio le mascherine protettive di tipo IIR,  le più protettive con un’efficacia di filtrazione batterica superiore al 98%, da poter utilizzare come dispositivo di protezione individuale in questa fase di emergenza sanitaria da Coronavirus.

La produzione sarà attivata nello stabilimento di Rete Ferroviaria Italiana di Bologna ONAE (Officina Nazionale Apparecchiature Elettriche) di RFI, in Via de Carracci 4/6, una struttura nata nel 1955 con la missione di svolgere attività costruttive e manutentive inerenti alle apparecchiature
per Sottostazioni Elettriche e per la Trazione Elettrica. A fine anni 70 le sua attività si sono estese al Segnalamento Ferroviario ed ai Mezzi d’Opera. Agli inizi del 2000 sono state avviate le attività di Taratura degli strumenti di misura e lo sviluppo dei Laboratori Metrologici.

E nelle prossime settimane – grazie anche all’installazione di macchinari ad hoc fatti arrivare dalla Cina – si farà carico di “sfornare” almeno un milione e 700mila mascherine protettive al mese.

macchinari stabilimento

Il via libera è stato concesso lo scorso 3 luglio con  l’apposita certificazione dell’Istituto Superiore di Sanità

Si tratta di un progetto voluto fortemente dal gruppo FS Italiane e dalla task force intersocietaria, istituita a fine febbraio scorso per dare risposte concrete alle necessità emerse durante l’emergenza da Covid-19.

L’ONAE, grazie ad un apposito macchinario questa volta prodotto ed acquistato da un’azienda veneta, produrrà anche le mascherine FFP2, dispositivi di protezione individuale di tipologia filtrante capaci di bloccare le particelle solide e i droplets che possono trasportare virus e batteri, proteggendo le vie respiratorie.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here