(Sesto Potere) – Roma – 3 gennaio 2022 – “La struttura commissariale per l’emergenza Covid-19 presieduta dal generale Francesco Paolo Figliuolo comunica il raggiungimento di un’intesa con il ministero della Salute e FederFarma, AssoFarm e FarmacieUnite che prevede, sentito l’Ordine dei Farmacisti, la vendita a prezzo calmierato (0,75 euro l’una) delle mascherine Ffp2 nelle farmacie aderenti. “L’accordo sarà siglato a breve, e le adesioni saranno sottoscritte attraverso il sistema tessera sanitaria”: ha specificato ancora il Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19.

Il prezzo di 0,75 euro per le mascherine Ffp2 è per il Codacons: “corretto”, e l’accordo raggiunto oggi dal Commissario Figliuolo – sempre a parere dell’associazione dei consumatori – accoglie in pieno le richieste avanzate nei giorni scorsi dalla stessa associazione.

“Avevamo chiesto al Governo di imporre un prezzo calmierato inferiore agli 80 centesimi di euro a mascherina, prezzo al quale si potevano trovare le Ffp2 nelle farmacie e nei negozi prima di Natale, e l’accordo raggiunto oggi risponde in pieno alla nostra richiesta – spiega il presidente del Codacons Carlo Rienzi – Ora però occorre sanzionare chi, negli ultimi giorni, ha realizzato speculazioni vendendo le mascherine a prezzi rincarati approfittando dell’esigenza dei consumatori di dotarsi di Ffp2 per accedere ai mezzi pubblici”.

il generale Paolo Figliuolo

In tale direzione il Codacons presenta oggi un esposto a 104 Procure della Repubblica di tutta Italia, chiedendo alle magistrature locali di aprire indagini sul territorio per il reato di aggiotaggio: “nell’unica finalità di tutelare la salute, diritto irrinunciabile per tutti i cittadini, e con lo scopo di colpire coloro che cercano di speculare sulla salute con possibili truffe, frodi e abusi a danno della collettività – si legge nell’esposto dell’associazione – poste in essere sull’onda dell’allarme contagi in Italia e per la indispensabile necessità di reperimento di prodotti sanitari, principalmente mascherine Ffp2 alla luce dell’ultimo decreto legge anti-Covid pubblicato in Gazzetta Ufficiale”.

Nei giorni scorsi anche l’avvocato Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, aveva sollecitato un prezzo base: “Se la mascherina Ffp2 diventerà obbligatoria dovrà essere fissato il prezzo come è stato fatto per la chirurgica, per prevenire possibili speculazioni e perché è giusto siano somministrate a un prezzo calmierato” aveva affermato Massimiliano Dona, aggiungendo per i tamponi: “se dovranno farli anche i vaccinati, dovranno essere gratuiti, specie per chi ha ricevuto già la terza dose”.

Anche Federconsumatori – che aveva  segnalato speculazioni presso alcuni punti vendita di mascherine Ffp2 vendute a 2,50 / 3,00 euro l’una, a fronte di prezzi medi base di 0,80 / 1,50 euro – aveva chiesto al Governo di disporre oltre all’obbligo di tali dispositivi anche un corrispettivo “prezzo massimo come avvenuto per le mascherine chirurgiche”.