Marzabotto,  ambasciatori di pace i superstiti degli eccidi di Monte Sole e don Arrigo Chieregatti

(Sesto Potere) – Marzabotto (Bo) – 3 dicembre 2019 – Ieri pomeriggio , nel teatro comunale di Marzabotto,  si è svolta  la cerimonia conferimento degli encomi di ambasciatori di pace del Comune di Marzabotto,  ai superstiti degli eccidi di Monte Sole e a don Arrigo Chieregatti. E’ intervenuto  il cardinale Matteo Maria Zuppi. Lo statuto del Comune di Marzabotto definisce la cittadina città messaggera di pace, impegnata a promuovere ogni azione utile volta al progresso dei popoli per l’affermazione della cultura di pace e del reciproco rispetto delle comunità.

L’encomio di “Ambasciatore di Pace” costituisce un riconoscimento onorifico che premia l’attività di cittadini o enti, associazioni e istituzioni che si adoperano, con impegno costante, alla promozione e diffusione della cultura della pace basata sui valori universali di rispetto per la vita, la libertà, la giustizia, la solidarietà, la tolleranza, i diritti umani, l’uguaglianza tra uomo e donna.

In questa logica si comprende la volontà di premiare i superstiti della strage di Marzabotto che in tutti questi anni sono adoperati, con impegno costante, per mantenere vivo il ricordo dell’Eccidio, far conoscere con le loro testimonianze la storia di Marzabotto nel mondo e al tempo stesso difendere la libertà, la giustizia, la solidarietà, la tolleranza, i diritti umani, l’uguaglianza tra uomo e donna.

Nel caso di don Arrigo Chieregatti, il Consiglio Comunale vuole ricordare, nel sessantesimo anno di sacerdozio (di cui una trentina come parroco nelle frazioni di Malfolle, Sibano, Pioppe di Salvaro) il suo impegno per creare ponti tra culture diverse, operando non solo nel nostro territorio, ma anche in altri paesi, promuovendo accoglienza, rispetto, disponibilità al dialogo e alla riflessione.

«Abbiamo ritenuto importante premiare il costante impegno con cui i superstiti dell’Eccidio di Marzabotto, in tutti questi anni, si sono prodigati per raccontare con generosità il loro vissuto alle nuove generazioni» spiega la sindaca Valentina Cuppi. «Non deve essere stato facile per loro rivivere ogni volta quei momenti dolorosi, ma hanno ritenuto importante farlo per il bene della collettività. E allo stesso modo don Arrigo Chieregatti si è sempre speso per promuovere l’incontro fra culture diverse e la Pace. In momenti difficili come quelli che stiamo vivendo l’esempio di persone come lui devono aiutarci a difendere con fiducia i valori in cui crediamo».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *