Mario Mazzotti è il nuovo presidente di Legacoop Romagna

(Sesto Potere) – Forlì – 11 giugno 2019 – Mario Mazzotti, 62 anni, è il nuovo presidente di Legacoop Romagna. Mazzotti ricopriva il ruolo di direttore generale da novembre 2015 ed era stato nominato vicepresidente in occasione del secondo congresso, svolto il 15 marzo a Cesena. Rientra nella carica di vicepresidente Luca Panzavolta, amministratore delegato di Commercianti Indipendenti Associati – Conad. Lo affianca in veste di vice Giorgia Gianni, della cooperativa Fucina798 di Rimini.

Luca Panzavolta, Mario Mazzotti e Giorgia Gianni

La direzione di Legacoop Romagna ha votato all’unanimità la proposta della presidenza, confermando allo stesso tempo il programma di lavori approvato nei documenti congressuali.

Dopo il lutto per la prematura scomparsa di Guglielmo Russo, avvenuta lo scorso 20 maggio, si riorganizza in questo modo la struttura di governo di Legacoop Romagna, associazione di cooperative che riunisce oltre 400 imprese nelle province di Ravenna, Rimini e Forlì-Cesena.

Con il nuovo assetto statutario la figura del presidente vede aumentare la propria dimensione operativa, in stretto contatto con i tre coordinatori territoriali che presidiano le province di Ravenna, Rimini e Forlì-Cesena: Elena Zannoni, Massimo Gottifredi e Matteo Marchi.

Mazzotti nel suo discorso di insediamento ha dedicato un commosso ricordo a Guglielmo Russo, a cui la direzione di Legacoop Romagna ha deciso di intitolare la Giornata della cooperazione romagnola. Sarà una iniziativa di studio e approfondimento dedicata alla diffusione dei valori cooperativi, in particolare per le nuove generazioni, che sarà organizzata con cadenza annuale.

“Queste – commenta Mazzotti – sono alcune delle linee guida che ci proponiamo di realizzare: rafforzamento del lavoro di relazione e rapporto con le cooperative associate e l’identità cooperativa; promozione cooperativa e ricambio generazionale nell’associazione e nelle imprese; innovazione e lavoro garantito, tutelato e sicuro; coesione sociale e comunitaria; lotta alle false cooperative e all’illegalità; dare continuità al progetto per una Romagna rafforzata in un sistema regionale coeso e competitivo; contribuire alla realizzazione dell’Alleanza delle Cooperative”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *