(Sesto Potere) – Forlì – 20 dicembre 2022 – “Per diversi giorni la Commissione bilancio ha lavorato anche la notte per raggiungere gli obiettivi della maggioranza. E come Forza Italia stiamo raggiungendo, più di tutte le altre forze politiche, i traguardi indicati dal Presidente Berlusconi insieme ai nostri capigruppo Alessandro Cattaneo e Licia Renzulli. Sono fiera di essere fra i deputati di Forza Italia, sempre vicini alle esigenze dei pensionati, specie i più fragili, dei giovani per dare loro opportunità di restare in Italia, dei lavoratori autonomi, dei territori e delle associazione di categoria, delle famiglie con la proroga del superbonus”. Lo sostiene la parlamentare romagnola Rosaria Tassinari, che nei prossimi giorni voterà la Manovra del governo.

“Sui temi fondamentali della quale le forze politiche di maggioranza sono compatte”. Qualche esempio di compattezza? L’onorevole Tassinari elenca “l’aumento delle pensioni minime a 600 euro per gli over 75 anni (a 1000 entro i cinque anni dell’intera legislatura), il superbonus, la tregua fiscale, la flat tax e la decontribuzione per i neo assunti”, commentando: “Su questo il Governo e la maggioranza, che ha recepito le proposte di Forza Italia, sono compatti”. Quindi per Tassinari “non ci sono rischi per l’esercizio provvisorio della Manovra”, che “passerà con la fiducia nei tempi che ci siamo dati, anche perché  è dotata di 21,5 miliardi per aiutare famiglie e imprese ad affrontare il caro bollette e quella parte non si tocca visto che nessun partito ha interesse a fermare delle misure così importanti per il Paese”.

“Il contributo di Forza Italia – ha spiegato Tassinari – è quello che ha più arricchito la legge di bilancio nel passaggio parlamentare. Penso all’aumento delle pensioni minime per tutti gli over 75, che prima con la minima sopravvivevano, e alla decontribuzione totale per chi assume giovani, stabilizzandoli. Con queste proposte abbiamo reso un buon servizio all’intera coalizione, perché non era scontato ottenere risultati così importanti”.

Tassinari osserva ancora lo scontro con l’Ue sol Pos è un falso problema, “ai pensionati interessa l’aumento delle pensioni, non lo strumento di pagamento che utilizza”. La deputata Tassinari esprime anche soddisfazione per “il risultato raggiunto sul price cap che premia il lavoro svolto dal presidente Giorgia Meloni e dal ministro Pichetto, che, con le loro interlocuzione in sede europea, hanno posto le basi per arrivare al grande risultato odierno”.

E conclude la deputata Tassinari: “Con questo accordo, l’Italia sarà meglio preparata a fronteggiare la prossima stagione invernale, potendo contare su un accordo equilibrato e potendo altresì disporre di un meccanismo di correzione del mercato dell’energia univoco che ci riparerà dalla speculazione. Con il via libera al price cap, proteggeremo maggiormente cittadini e imprese e allo stesso modo permetteremo all’Europa di continuare ad essere un mercato competitivo e attrattivo per i fornitori di energia”.