Maltempo, superate le criticità idrauliche, riaperte le porte vinciane

(Sesto Potere)  – Cesenatico – 18 novembre 2019 – Molto lentamente la situazione meteo sta migliorando e i disagi sono più contenuti a Cesenatico. Ieri alle 12:00 il momento peggiore con 2 rotture delle dune a Valverde e a Ponente (zona colonie). La protezione civile è intervenuta velocemente insieme ai volontari di Radio Soccorso, con i mezzi di Cesenatico Servizi e con quelli forniti da Euroscavi e Graziano Borghetti. Sono state ripristinate le dune.“La situazione è stata tamponata e già da lunedì  saremo al lavoro per far arrivare sabbia per ripristinare i varchi”: assicura il sindaco Matteo Gozzoli che, alle porte vinciane, ha seguito i lavori insieme ai tecnici del Comune e a quelli del Consorzio di Bonifica.

Sempre ieri  ci sono stati 2 interventi dei Vigili del fuoco volontari in centro che hanno consentito alla protezione civile di dedicarsi alla spiaggia.

Grazie al lavoro congiunto e alle 6 pompe idrovore a mare delle porte vinciane sono stati monitorati i livelli dei canali interni, scaricando acqua in mare anche nei momenti in cui la marea e le onde non consentivano di scaricare acqua.

In serata – con il sindaco presente – la decisione di riaprire le porte vinciane.

“Non sono mancate le preoccupazioni per i livelli molto alti del Madonnina e di altri canali ma posso assicurarvi che la situazione è sempre rimasta sotto controllo”: ha commentato il sindaco.

“Vorrei ringraziare tutti: tecnici del Comune, del Consorzio, volontari di Radio Soccorso, Vigili del fuoco volontari, Polizia Locale, Cesenatico Servizi, Euroscavi e Graziano Borghetti per il lavoro fatto in queste ore. Se i danni non sono stati elevati è stato anche grazie al lavoro di donne e uomini che hanno collaborato per ore, lavorando anche sotto la pioggia e vicino al mare in tempesta per evitare allagamenti e danni. Grazie di cuore”: ha detto il sindaco Matteo Gozzoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *