(Sesto Potere) – Forlì – 8 dicembre 2021 – A causa della forte ondata di maltempo, che ha letteralmente mandato in cortocircuito il sistema elettrico, l’accensione dell’Albero di Natale, in programma oggi pomeriggio in piazza Saffi, è stata rinviata a domani.

Il programma della Festa dell’ Immacolata e l’avvio di “Forlì che brilla” è stato inevitabilmente e parzialmente modificato.

Il DJ Set natalizio con Radio Bruno ha intrattenuto i presenti, le luminarie hanno fatto brillare i corsi del quadrilatero del centro storico e lo spettacolo di video mapping è stato proiettato sulle pareti di tutti i palazzi della piazza, così come sulla facciata ed il campanile di San Mercuriale. Il tema? Un fiabesco paesaggio ghiacciato percorso in lungo e in largo dal Treno dei Sogni, alla scoperta di boschi innevati, romantiche scenografie e atmosfere déco.

Infine, Federico Poggipollini, storico chitarrista di Luciano Ligabue e cantautore italiano, ha riproposto in chiave rock alcune canzoni di Natale.

Bancarelle e pista del ghiaccio aperte al pubblico, forlivesi , di tutte le età, molti giovani, che non si sono fatti scoraggiare dalla pioggia ed hanno affollato piazza Saffi.

Ma la prevista sfilata di babbi Natale in bicicletta, il coro della Compagnia “Quelli della via”, che dovrà coinvolgere gli alunni di 10 scuole elementari di Forlì in un particolarissimo flash mob a tempo di musica, e i canti natalizi del coro gospel degli Sweet Mama andranno in scena sabato.

Sempre l’11 dicembre il centro storico sarà animato dal Mercatino dell’Antiquariato. Bancarelle sotto i portici di piazza Saffi e all’inizio di Corso della Repubblica con prodotti di antiquariato, usato, modernariato, artigianato, riuso, libri, fumetti, e curiosità.

All’inizio dell’evento ha portato i saluti dell’amministrazione comunale l’assessore alla Valorizzazione del Centro Storico, Andrea Cintorino.

Poi, il sindaco di Forlì, Gian Luca Zattini, ha commentato: “La pioggia non ci ha permesso di inaugurare il Natale che avremmo voluto. Mi scuso per l’attesa… Ma vi posso assicurare che la Piazza è un regno d’incanto.”