Maltempo, piena del Reno e disagi: vertici in prefettura a Bologna e Ferrara

piena del Reno
piena del Reno

(Sesto Potere) – Bologna – 18 novembre 2019 – La piena del Reno è transitata ieri pomeriggio a Bonconvento, frazione del  comune di Sala Bolognese, con un livello idrometrico registrato di 12,22 metri, e in serata  nei territori comunali di Cento e Pieve di Cento con una portata stimata superiore al livello 3 (fissato a 8, 63 m.). La protezione civile regionale sta presidiano gli interventi in emergenza, in coordinamento con i Centri coordinamenti soccorsi delle Prefetture, ed in accordo con i Comuni, AIPO, Consorzi di Bonifica, sanità 118 , volontariato, vigili del Fuoco, Forze dell’Ordine.
Presso le Prefetture di Bologna e Ferrara si sono tenuti due incontri con i Sindaci delle aree interessate dalle Allerte emesse con Codice Colore Rosso. I tecnici del Servizio di Piena dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile hanno da poco attivato le manovre di apertura del Cavo napoleonico a Bondeno, per far defluire le acque in modo controllato.

Sono state messe in funzione anche le Casse di espansione di Boschetto e la Cassa lungo il canale Savena Abbandonato. Attivata l’idrovora di Campotto a cura del Consorzio di Bonifica.
A ciò si aggiunge un avviso di criticità trasmesso  a tutti i Comuni lungo l’asta del Fiume Reno a valle del Comune di Bologna, per organizzare aree di accoglienza ed attuare quanto previsto dai piani di emergenza  in previsione di possibili criticità.

I Sindaci hanno aperto i  Centri operativi comunali ed alle Prefetture è stato chiesto il supporto  delle Forze dell’Ordine per il monitoraggio antisciacallaggio ed il presidio della viabilità, al fianco dei Vigili Urbani dei Comuni coinvolti dagli eventi.

prefettura bologna

A Budrio, dove si è verificata  una rottura arginale del fiume Idice con allagamenti diffusi,  funzionari regionali e volontari di protezione civile stanno supportando l’amministrazione per l’assistenza alla popolazione accolta presso i centri allestiti in queste ore.

Quanto alla situazione utenze gas e luce: sono in via di risoluzione le oltre tremila disalimentazioni registrate soprattutto nel reggiano (Comuni di Ventasso, Villa Minozzo), nel modenese (Palagano e Frassinoro)  e in misura minore in provincia di Parma.

Restano ancora  criticità per le utenze dei comuni modenesi di Sestola, Pievelago e Fiumalbo. Sulla montagna modenese Protezione civile e sanità 118 sono impegnate nell’evacuazione preventiva di una decina di ospiti da case protette e strutture per disabili.

E in Romagna si registra il superamento del livello 3 (elevata criticità) del Fiume Montone  nel forlivese. I Fiumi Ronco e Savio hanno raggiunto il livello 2 (moderata criticità). La protezione civile è intervenuta per interventi localizzati di rinforzi arginali. Piccoli Smottamenti si sono registrati nei comuni di Mercato Saraceno e Bagno di Romagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *