(Sesto Potere) – Roma – 8 gennaio 2022 – Un sistema perturbato a matrice fredda, proveniente dal Nord-Atlantico, tende a raggiungere rapidamente la nostra penisola, con contestuale rinforzo del vento. Dalla serata-notte di oggi, infatti, si avranno nevicate sui settori alpini occidentali, in estensione dal primo mattino di domani, sull’Emilia-Romagna e a seguire sulle regioni centrali, specie quelle del versante adriatico, generalmente fino a quote collinari, ma con sconfinamenti a bassa quota.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse.

spazza neve

L’avviso prevede dalle prime ore di domani, domenica 9 gennaio, nevicate fino a bassa quota su Emilia-Romagna, in particolare sui settori orientali, e sulle Marche, con apporti al suolo da debole a moderata intensità e accumuli intorno ai 5-10 cm per le zone di collina e localmente di pianura e punte superiori ai 15 cm per le zone di montagna.

Dal mattino di domani si prevedono, inoltre, nevicate a quote superiori a 400-600 metri sui settori orientali di Umbria e Lazio e sull’Abruzzo, in estensione nel pomeriggio sul Molise, con apporti al suolo da deboli a moderati e possibili sconfinamenti fino a bassa quota sull’Abruzzo.

Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, domenica 9 gennaio, allerta gialla per rischio idrogeologico, per rischio temporali e per rischio idraulico su Abruzzo, Molise e su alcuni settori di Lazio, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia.