(Sesto Potere) – Bologna – 15 dicembre 2022 – Una forte ondata di maltempo s’è abbattuta oggi nel Nord Italia, con pioggia e temporali sul Nord Ovest ed in area tirrenica ed anche in Emilia-Romagna. Domani, venerdì 16 dicembre, attese piogge sempre sulle regioni centrali tirreniche , in Emilia Romagna ed anche in Sardegna, con  nevicate  fino alle quote più basse in Piemonte. Nel weekend  nubi compatte al Nord e soprattutto in Friuli Venezia Giulia  piogge in pianura e neve a quote basse sui rilievi. E domenica attesa ondata di freddo con valori minimi negativi in pianura Padana.

In riferimento all’arrivo di questa ondata di maltempo con la caduta della neve in molte regioni del Nord e del Centro Italia la  Coldiretti afferma: “L’arrivo del maltempo con pioggia e neve salva da una grave siccità l’Italia dove nell’ultimo anno è caduta quasi 1/3 di acqua in meno (-30%) con drammatici effetti sull’agricoltura ma anche rischi per gli usi civili ed industriali”.

Mancano all’appello – stima la Coldiretti – almeno 50 miliardi di metri cubi di acqua per effetto di un 2022 che resta straordinariamente siccitoso nonostante le precipitazioni del mese di novembre che sono risultate leggermente al di sopra della media storica.

L’arrivo della pioggia e della neve – continua la Coldiretti – è dunque importante per dissetare i campi resi aridi dalla siccità e ripristinare le scorte idriche nei terreni, negli invasi, nei laghi, nei fiumi e nelle montagne dove i ghiacciai perdono di superficie e spessore.

A preoccupare nelle campagne è invece il brusco abbassamento delle temperature si abbatte sull’Italia in un 2022 che si classifica fino ad ora come l’anno più caldo mai registrato in Italia dal 1800, con una temperatura di oltre un grado (+1,06 gradi) più elevata della media storica. Evidenzia la Coldiretti sulla base dei dati Isac Cnr di Bologna relativi ai primi 11 mesi dell’anno.

Dopo il caldo record lo sbalzo termico provoca danni alle colture se non avverrà in modo progressivo secondo la Coldiretti che avverte che sono a rischio le verdure e ortaggi invernali coltivati all’ aperto come cavoli, verze, carciofi, finocchi e broccoli.

Siamo di fronte alle evidenti conseguenze del mix micidiale determinato dalla guerra e dai cambiamenti climatici anche in Italia dove l’eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma che – sottolinea la Coldiretti – si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi che compromettono le coltivazioni nei campi con perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne.

Una anomalia che quest’anno si è manifestata con il moltiplicarsi di eventi estremi che – conclude la Coldiretti – tra grave siccità e violente precipitazioni ha fatto salire a oltre 6 miliardi il conto delle perdite subite dalle campagne nel 2022.