(Sesto Potere) – Cervia – 8 giugno 2022 – Sabato 5 e domenica 6 giugno 2022, i volontari di AMMP (Associazione Morgagni Malattie Polmonari) ODV sono stati presenti a Cervia alla “Sagra della Cozza” dedicata a una delle grandi eccellenze culinarie della nostra Riviera Romagnola.
AMMP (Associazione Morgagni Malattie Polmonari), con i suoi volontari, ha allestito un banco informativo per sensibilizzare gli intervenuti ai temi riguardanti le problematiche legate alle malattie polmonari e all’importanza del Respiro.

“Continua il nostro impegno – ha dichiarato Matteo Buccioli, presidente di AMMP – nella divulgazione delle tematiche riguardanti le malattie polmonari e il trapianto di polmone. I nostri volontari sono il nostro punto di forza in questa opera continua e costante di sensibilizzazione sull’importanza del Respiro. Per questo ci tengo particolarmente a ringraziare loro e gli organizzatori della Sagra di Cervia per questa nuova opportunità che ci è stata offerta di diffusione della nostra mission”. 

(Associazione Morgagni Malattie Polmonari – www.ammpforlung.it) nasce nel 2008 per volontà del Prof. Venerino Poletti, attuale Direttore del Dipartimento Malattie Apparato Respiratorio e Torace dell’AUSL della Romagna, in memoria dello scomparso Claudio Morgagni, detto Gano, grazie all’impegno della sua famiglia e degli amici più cari. L’Associazione ha come scopo principale sostenere la Ricerca Scientifica sulle Malattie Polmonari Rare unitamente all’impegno di sostenere i pazienti e i loro familiari nel personale percorso di malattia continuando nell’impegno di sensibilizzazione della popolazione ed educazione dei giovani in merito all’importanza di un Respiro e al ruolo che ricopre la prevenzione nel prendersi cura di se stessi.

Ogni anno oltre 100.000 persone si ammalano di patologie rare che colpiscono l’apparato respiratorio, e che rubano loro Respiri, ogni giorno, e per sempre.
A causa della loro “rarità”, queste patologie non prevedono cure risolutive e quindi costringono il paziente che ne è affetto a lottare contro una diagnosi infausta, con una aspettativa di vita media che può andare dai 3 ai 5 anni nella migliore delle ipotesi. Solo il trapianto polmonare a oggi rappresenta una speranza concreta di guarigione e miglioramento.