(Sesto Potere) – Cervia – 20 dicembre 2022 – La Regione Emilia Romagna ha riconosciuto il valore solidaristico ed ambientale del progetto “Cervia Social Food – Rete locale di lotta allo spreco” con un contributo di 50.000 € per la realizzazione delle cinque azioni, che il progetto prevede: Emporio solidale, Libreria di libri usati, Cucina popolare, Sartoria sociale e App per il recupero di pasti pronti.

La Regione Emilia-Romagna, mediante il “bando per il sostegno delle attività solidaristiche di recupero, stoccaggio e distribuzione diretta ed indiretta ai beneficiari finali di beni alimentari e non, per la produzione e distribuzione di pasti a favore delle persone in povertà” ha voluto sostenere gli obiettivi dell’agenda 2030, promuovendo progettualità diffuse e diversificate.

Il progetto Cucina popolare – Cervia Social Food si è classificato, nella graduatoria finale, all’ottavo posto ed ha così beneficiato di un contributo pari a 50.000 €, che riconosce, anche per il suo valore innovativo, un valore sovracomunale del progetto.

Beneficiaria del contributo è l’Associazione Un posto a tavola, uno dei ventitrè coprospettanti che hanno sottoscritto l’accordo di Cervia Social Food e che hanno individuato nella cooperativa San Vitale il referente dell’intero progetto.

L’Assessore regionale Andrea Corsini commenta: “Quando si incontrano progettualità locali e regionali per rispondere a bisogni delle comunità, possiamo dire che è un successo per tutti, perché, come in questo caso, la sinergia di pensiero e di sostegno economico, fra Regione, Comune e Terzo Settore, ha creato le premesse per una società meno povera e più attenta alla cultura del recupero e del riuso”.

L’Assessore del Comune di Cervia Bianca Maria Manzi dichiara: “Sono felice di vedere come, passo dopo passo, si stanno realizzando le diverse azioni del progetto: Emporio e Libreria già attivi; cucina popolare e sartoria sociale in via di realizzazione. Sono chiare le potenzialità di questo progetto di comunità, che, con queste caratteristiche, forse poteva realizzarsi solo a Cervia, comunità coesa e ricca di sentimenti”.

Nella foto in alto: la cena di raccolta fondi del 16 dicembre.